Bollate Softball: parte la stagione, i sogni e le certezze di Luigi Soldi
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Parte la stagione del Bollate Softball e il manager Luigi Soldi si lancia nel pronostico stagionale.

Dopo un autunno turbolento, segnato da varie vicissitudini societarie, siete pronti a ripartire nel campionato ISL?

Abbiamo trascorso dei momenti difficili, ma, ora che la tempesta è alle spalle, non voglio più parlare di quello che è successo, perchè mi sembra che sia già stato raccontato tutto. Voglio guardare al futuro e, pur consapevole che lo sforzo organizzativo ed economico sarà notevole, pensare alle squadre che metteremo in campo: una squadra per il campionato ISL, due squadre per il campionato under 21, una squadra per il campionato under 16, due per l’under 13 ed una di minisoftball.

Softball photo credit: <a href="http://www.flickr.com/photos/zackojones/1275721105/">zackojones</a> via <a href="http://photopin.com">photopin</a> <a href="http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/">cc</a>
Softball photo credit: zackojones via photopin cc

Come hai visto la squadra in questi primi mesi di preparazione? Il precampionato sarà molto intenso?

Al principio della mia quattordicesima stagione in ISL, avverto nella squadra un entusiasmo che non coglievo da anni, straripante, contagioso. Ogni stagione è stata magnifica, con i propri lati positivi e negativi, con le proprie, e molte, soddisfazioni e con qualche delusione, ciascuna unica ed emozionante. Allenare questo team, che ha raggiunto per tredici anni consecutivi le finali di campionato, è sempre stato un piacere. Quest’anno il precampionato sarà molto intenso: tredici partite in ventidue giorni, concentrate intorno al Torneo Prealpi. Incontreremo La Loggia, squadra campione d’Italia, il Bussolengo, rinforzatosi molto per la nuova stagione, e la rappresentativa nazionale della Repubblica Ceca: tre prove estremamente impegnative per la squadra. All’organizzazione della manifestazione del Torneo Prealpi di quest’anno hanno preso parte le società di Caronno, Bollate e Malnate. Parteciperanno ben diciassette squadre, suddivise nei gironi Prealpi A e Prealpi B, per un totale di quarantadue partite. Il Torneo inizierà, per il Bollate, il giorno 8 marzo contro i Bulls di Rescaldina. Il girone A comprende: i campioni d’ Italia Rhibo La Loggia, Bollate 1969, Bulls Rescaldina e Joudrs Praga (sottogirone A), la rappresentativa nazionale della Repubblica Ceca, Caronno, Collecchio e Tolone (sottogirone B). Il girone B è costituito da Porta Mortara, Bollate 2, Caronno2, Bovisio, Settimo Milanese, Bollate 3, Malnate, Caronno 3 e Junior Torino. La presenza di così tante squadre, provenienti dalla Lombardia, dal Piemonte e addirittura da alcuni Paesi europei, ha richiesto un notevole sforzo organizzativo. In un prossimo futuro ci auguriamo di accogliere sui nostri diamanti tutte le squadre della nostra regione! In aggiunta a questi numerosissimi incontri, sabato 15 marzo, a partire dalle 15.30 sul campo di Bollate, ci sarà un doppio incontro con L’ Old Parma, squadra neopromossa in ISL. Domenica 30 marzo si terrà a Bollate un triangolare tra Legnano, Collecchio e Bollate. L’obiettivo non sarà il risultato, bensì saper sfruttare l’occasione, per imparare a giocare sotto pressione contro avversari senza dubbio più forti ed esperti di noi. Inoltre, giocare un così alto numero di incontri permetterà alle molte ragazze esordienti di fare più esperienza possibile in vista del campionato “Quindi si lavora per la quattordicesima presenza consecutiva nei play off?” Parlare di play off mi sembra assai precoce: l’età media della squadra è inferiore ai 20 anni! Le ragazze non vanno caricate di responsabilità, ma sono sicuro che, se lavoriamo
sodo, come abbiamo fatto in questi primi mesi, i risultati saranno una conseguenza diretta. Probabilmente non fin dal primo momento, ma le soddisfazioni non mancheranno! 

“Sono previste giocatrici straniere nel roster?”
Purtroppo no. L’assenza è stata dettata da motivi unicamente economici: avendone la possibilità, non avremmo mai rinunciato ad un paio di giocatrici straniere esperte che avrebbero permesso alle nostre giovani ragazze di maturare al meglio. Prova ne è stata la stagione 2005: partiti con otto giocatrici in meno rispetto all’ anno precedente, la squadra era composta da un manipolo di giocatrici brave ma inesperte, così inserimmo tre giocatrici straniere (Hardie, Degen e De Blaes) per rafforzare il gruppo delle giovani. Vincemmo il campionato!

“Come vedi le squadre avversarie?”
Il livello del campionato, purtroppo, non sarà alto. Tuttavia per valutare correttamente il potenziale delle squadre bisogna attendere i dati definitivi relativi alla presenza di giocatrici straniere: considerando un campionato di livello mediocre, una giocatrice molto forte può determinare una netta differenza. Da una prima analisi mi sentirei di affermare che, nel girone Sud, Bussolengo e Unione Fermana possano disporre di qualche forza in più, e che, nel girone Nord, La Loggia abbia le carte per puntare alla prima posizione.

“Due parole sulle squadre nazionali?”
L’argomento risulta sempre molto delicato. Dopo una quadriennale esperienza in prima persona mi rendo conto che non è facile lavorare con una rappresentativa nazionale quando mancano i finanziamenti per realizzare progetti seri. Ritengo che, in primis, sia necessario un continuo turnover degli staff tecnici, nonostante alcune figure si siano distinte particolarmente, permesso dall’ampio ventaglio di scelte di cui una federazione nazionale, a differenza di una società, dispone. Proprio per questo motivo, terminato il mio quarto anno con la F.I.B.S., ho rassegnato le dimissioni. Quest’ anno si terranno il campionato mondiale di categoria seniores e il campionato europeo di categoria under 19 e sono sicuro che almeno una decina di atlete del nostro club entreranno a far parte delle rappresentative nazionali per l’occasione: il campionato europeo non può lasciarsi sfuggire le giovanissime bollatesi che giocheranno in ISL!

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi