Pallavolo, B1 femminile: LPM Mondovì-Club Italia 3-0
Ti piace questo articolo? Condividilo!
Si interrompe in Piemonte la striscia vincente del Club Italia, che dopo tre vittorie consecutive inciampa sul campo della lanciatissima Mondovì. La squadra azzurra parte bene e riesce a contenere efficacemente le avversarie a muro e in difesa per l’intero primo set, ma il sorpasso subito proprio nel finale compromette anche il parziale successivo, dominato dalle monregalesi. Nel terzo set si torna a combattere alla pari; ancora una volta però la volata finale premia la LPM.
Le ragazze del Club Italia (Foto: ufficio stampa)
Le ragazze del Club Italia (Foto: ufficio stampa)

Nell’attacco azzurro brilla ancora Paola Egonu, top scorer della gara con 16 punti e il 45% di efficacia, e protagonista anche a muro insieme a Bonifacio e Berti. Serata negativa invece per Nicoletti, autrice di un solo punto e sostituita da Botarelli nel terzo set, quando entra anche Gennari al posto di Orro. La ricezione, dopo un buon inizio, cala alla distanza per un totale di 9 ace subiti, 5 dei quali messi a segno da Rinaldi; tra le piemontesi bene anche Camperi, partita dalla panchina ma alla fine decisiva con 13 punti. Il Club Italia tornerà in campo sabato 15 marzo al Centro Pavesi di Milano contro la Unendo Yamamay Busto Arsizio.

 

LPM Mondovì-Club Italia 3-0 (25-23, 25-16, 25-21)

Mondovì: Martina, Rinaldi 11, Cattaneo 9, Ballauri ne, Sghedoni 3, Bongiovanni 4, Brero (L), Bertola (L) ne, Bruno 4, Raimondo 3, Maiolo ne, Boetti 1, Camperi 13. All. Venco.

Club Italia: D’Odorico 9, Rossi, Gennari 1, Mabilo 1, Egonu 16, Orro, Bonifacio 10, Bartesaghi, Berti 3, Cappelli (L), Botarelli 1, Nicoletti 1. All. Pieragnoli.

Arbitri: De Donno e Birtolo.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi