Piero Ausilio: “Inter, ecco come andare oltre l’Europa League”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Ai microfoni di Sky Sport HD, nel pre partita del Meazza, il Direttore dell’Area Tecnica dell’Inter Piero Ausilio.

Piero Ausilio, photo credit: <a href="http://www.flickr.com/photos/calciostreaming/12556575194/">calciostreaming</a> via <a href="http://photopin.com">photopin</a> <a href="http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/">cc</a>
Piero Ausilio, photo credit: calciostreaming via photopin cc

L’Inter può ambire a qualcosa in più dell’Europa League?

Noi non ci poniamo dei limiti, bisogna essere solo realisti e dire le cose come stanno, questa è una squadra che davvero quest’anno è ripartita, tra virgolette, da zero, un nuovo allenatore, un nuovo sistema di gioco, tanti nuovi giocatori, altri li abbiamo inseriti a gennaio, pensando anche ad un discorso per il futuro. Bisogna avere la pazienza e il tempo di far crescere tutti insieme queste dinamiche, che lavorano insieme da pochissimo tempo. Siamo molto fiduciosi e convinti che sia la strada giusta, poi, dove ci porteranno tutti questi risultati lo vedremo. Io sono convinto che, ragionando partita dopo partita, come stiamo facendo, avremo, probabilmente, anche delle soddisfazioni già da questa stagione.

Forse c’è bisogna di una punta di peso per le partite in casa?

Abbiamo recuperato giocatori importanti nelle ultime partite e le occasioni le abbiamo avute, basta ricordarsi il secondo tempo con il Cagliari, anche il secondo tempo con il Sassuolo. Non mancano le occasioni, siamo stati anche un po’ sfortunati, soprattutto nell’ultima gara in casa con il Cagliari. Quindi, io direi, ripartiamo da quel secondo tempo, che è stato importante, con grande atteggiamento offensivo e sono convinto che questa sera possiamo avere, probabilmente, un sorriso.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi