Inter, Jonathan: “Mondiale? Prandelli non mi ha mai chiamato”

Il giocatore dell’Inter Jonathan ha parlato ai microfoni di Sky Sport HD, nel post partita di Verona-Inter.

By Майоров Владимир (http://www.soccer.ru/gallery/45225) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons
By Майоров Владимир (http://www.soccer.ru/gallery/45225) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons
Quanto pesa questa vittoria per l’Inter?

È una vittoria importantissima perché il Verona è dietro di noi per la corsa all’Europa League. Dobbiamo guardare il Parma perché è pericoloso.

Per una notte siete quarti?

Siamo felici in questo momento. Domani facciamo il tifo contro la Fiorentina.

Quella di stasera è la tua miglior partita da quando sei all’Inter?

Secondo me no, ci sono altre partite, adesso non mi ricordo… contro il Tottenham avevo giocato bene, contro il Catania all’inizio. Sono contento, la squadra merita questa vittoria perché stiamo lavorando bene e speriamo di continuare così fino alla fine.

Cosa vi ha trasmesso Mazzarri?

Lavoro. Lui ha sempre detto che era un momento di sfortuna e che sarebbe passato, è passato, adesso dobbiamo continuare a lavorare bene come stiamo facendo, guardare alla prossima partita, non guardare la classifica, in modo che l’Inter possa arrivare il più lontano possibile.

C’era in tribuna Prandelli: fai un pensierino alla maglia azzurra?

Penso che sia difficile in questo momento, l’ultima convocazione sarà per il Mondiale e lui non mi ha mai chiamato, però se c’è la possibilità di andare io ho già detto che vado, ma resto con i piedi per terra, continuo a lavorare come sto facendo, ma se lui mi chiama io vado.

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi