Cagliari più squadra, Comelt Toniolo battuta nettamente
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il Comelt Toniolo viene sconfitto in casa per 5 a 2 nella sfida contro il Cagliari Futsal nella 22^ giornata del campionato di serie A2 (Girone A). Un risultato che conferma la superiorità degli isolani che rimangono in corsa per la promozione in A in attesa del big match di settimana prossima contro la capolista New Team. Per i blaugrana milanesi, invece, una sconfitta che ci sta, che era scritta sulla carta, ma quel che è più saltato all’occhio del numeroso pubblico milanese presente alla palestra Giordani è stato il cambiamento all’approccio alla gara voluto da Mister Daniele Sau. Non più in pressione alta dal primo secondo di partita, ma un atteggiamento attendista nella propria metà campo che, seppur sconfitta, ha regalato spunti interessanti per il futuro.

Ma andiamo alla cronaca. Parte con un ottimo possesso palla la squadra di Mister Diego Podda che già dopo 2’45” passa in vantaggio grazie a un calcio di rigore fischiato per l’intervento netto di mano di Zaninetti in area di rigore (ammonito). Dal dischetto si presenta Cavalli che non perdona Tondi. E sarà lo stesso Cavalli ad aprire un confronto diretto col portiere Tondi il quale neutralizza la possibile doppietta del brasiliano in più occasioni. Ma è solo questione di tempo perché al 4’42” ecco che Cavalli, appostato sul secondo palo, riceve un’imbucata da rimessa laterale da parte del compagno De Oliveira e non ha difficoltà a siglare il momentaneo 2 a 0 cagliaritano. E il Comelt Toniolo? Fino a quel momento nessuna conclusione verso la porta difesa da Murru e sarà così per altri sei minuti. Il primo vero tiro, se così si può definire, giunge al 10’53” con Luca Peverini che a conclusione di una bella azione indirizza una sfera non irresistibile vero la porta del Cagliari, ma Murru fa la frittata e devia lui stesso in rete riaprendo il match. Dopo il giallo a Cavalli per fallo su Marco Peverini, il Cagliari con De Oliveira e Serginho gestisce la gara e al momento più opportuno affonda. Al 16’20” è Barbarossa a cogliere la traversa su colpo di testa. Poi al 19’08” ecco arrivare il 3 a 1 con la sfortunata autorete di Zaninetti che devia nella propria porta l’imbucata dal laterale sinistro di Serginho. Con questo score termina la prima frazione di gara.

Nella ripresa, dopo appena 15 secondi, è Despotovic a chiudere virtualmente il match siglando il 4 a 1 su errore di impostazione della difesa del Comelt Toniolo. La palla giunge al croato che non perdona. La partita, a questo punto, scende decisamente di ritmo anche se prima non è che fosse stato eccelso. Il Cagliari si limita al possesso palla con una buona circolazione avviata sempre dai piedi buoni o di De Oliveira o di Serginho, mentre i blaugrana di Mister Sau cercano di creare qualcosa in avanti più per orgoglio che per uno schema ben preciso. Al 6’09” Zaninetti si fa perdonare rigore ed autogol e realizza il 2 a 4 con una bella conclusione di punta diretta all’angolino sinitro della porta difesa da Murru. Poi è Ghezzi, all’8’20”, a cogliere un clamoroso palo, ma dall’altra parte Serginho sale in cattedra e va vicino alla marcatura personale e così anche i compagni Despotovic e Barbarossa. E’ proprio Barbarossa a siglare il 5 a 2 definitivo all’11’34” dopo una azione personale di Despotovic che scarica centralmente sul compagno che deve solo appoggiare in rete. A 6’58” dal termine Mister Sau prova con l’uomo di movimento, Marco Peverini al posto di Fabio Tondi, ma non accade nulla di rilevante, anzi è proprio Peverini junior a sventare, da portiere, due occasioni da rete degli avversari.

Che dire: sulla carta era già scritto, o quasi, che Cagliari avrebbe conquistato i tre punti a Milano per restare in corsa e per giocarsi il tutto per tutto nella supersfida di sabato prossimo a Cagliari contro la capolista New Team Gorizia. Il divario, infatti, è stato evidente.

Per il Comelt Toniolo, invece, una gara a ritmi non alti ma costanti se così possiamo dire. Nelle precedenti apparizioni, infatti, la squadra di Sau partiva di gran carriera con una pressione alta che metteva in difficoltà chiunque si presentasse al Fossati, ma che alla fin fine risultava deleteria nella seconda parte quando forse c’era poca benzina nelle gambe e gli avversari ne approfittavano. Con l’atteggiamento visto contro il Cagliari, invece, tutti gli elementi hanno giocato con l’ossigeno al cervello per quasi la totalità della sfida, anche se l’avversario era troppo forte.

Sarà questo l’atteggiamento del Comelt Toniolo in vista dei playout? Intanto la prossima gara ancora al Fossati contro il Gruppo Fassina reduce dalla vittoria per 4 a 1 sulla Reggiana.

domenica 16 Marzo 2014
SERIE A2 – GIR.A – 22^ GIORNATA

COMELT TONIOLO – CAGLIARI FUTSAL: 2-5 (PT: 1-3)

Marcatori: PT: 2’45” rig. De Oliveira (CA); 4’42” Cavalli (CA); 10’53” L. Peverini (CT); 19’08” aut. Zaninetti (CA). ST: 0’15” Despotovic (CA); 6’09” Zaninetti (CT); 11’34” Barbarossa (CA).

Formazioni:

COMELT TONIOLO: Tondi, Bizzozero, M. Peverini, Intini, Pierro, Marangotto, Carlin, Zaninetti, L. Peverini, Velez, Ghezzi, Bosetti. All. D. Sau.

CAGLIARI FUTSAL: Murru, Serginho, Sanna, De Oliveira, Despotovic, Barbarossa, Cavalli, Schirru, Ruggiu, Piaz, Wilson, Ferraro. All. D. Podda.

Arbitri: 1° Vidotto (sez. San Donà di Piave) 2° Allotta (sez. Torino)

Crono: Tangi (sez. Monza)

Note: ammoniti Zaninetti (CT); Cavalli (CA).

 

Dario Martucci
Addetto stampa a.s.d. Comelt Toniolo Milano

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi