Luca Lanotte e Anna Cappellini: l’intervista di Milanosportiva ai campioni di pattinaggio

Dici Milano, dici pattinaggio e pensi subito a Luca Lanotte e Anna Cappellini. Già, perché il duo meneghino è il pattinaggio di coppia in Italia, coloro che tengono alto il nostro onore in Italia e non solo. Milanosportiva.com li ha intervistati, cercando di carpirne i sentimenti alla luce anche del quarto posto ottenuto alle recenti Olimpiadi di Sochi 2014: “Siamo contenti, è stata una bella performance – le parole di Anna all’inizio eravamo preoccupati, perché la gara a squadre era qualcosa di totalmente nuovo e perché di fronte avevamo nazioni meglio attrezzate di noi, con più soldi e strutture. Alla fine, però, è andata bene”.

Luca Lanotte e Anna Cappellini photo credit: <a href="http://www.flickr.com/photos/skatingpics/8231350909/">annoyedtonoend</a> via <a href="http://photopin.com">photopin</a> <a href="http://creativecommons.org/licenses/by-nd/2.0/">cc</a>
Luca Lanotte e Anna Cappellini photo credit: annoyedtonoend via photopin cc

Il rammarico per un podio sfiorato, comunque, c’è: “Quando sei lì te la giochi – commenta Luca Lanottecerto, un po’ di rabbia è maturata, anche perché arrivavamo alle Olimpiadi da campioni europei. Ma ora pensiamo al futuro con serenità. Siamo contenti dell’esperienza maturata, quello senza dubbio”. I due si allenano al Forum di Assago: “Pattiniamo al mattino, alle 8 siamo già in pista – precisa Anna – poi al pomeriggio palestra e altro per tenersi in forma. Al Forum si respira una bellissima atmosfera, è bello perché ci sostengono in tutto quello di cui abbiamo bisogno”. Ora i Mondiali di Tokyo, al via settimana prossima: “Poi ci sarà un po’ di pausa, finalmente”, concludono in coro. Luca Lanotte e Anna Cappellini: il bello del pattinaggio italiano di figura.

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi