Bocconi Tennis Tournament, domina la Bellosi  e sorprende Ramadier
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Francesca Bellosi da una parte, Hugo Ramadier dall’altra. Sono l’emiliana e il francese i due campioni del “Bocconi Tennis Tournament”, competizione interna di una delle più celebri università italiane, svolta nello scorso week-end sui campi del Tennis Rozzano.Un torneo disputato con la formula rodeo e ricco di incontri di alto livello sin dai primi turni.

Nella prova femminile, disputata dalle quattro portacolori del team universitario, l’ha spuntata l’ottima Bellosi, brava a dominare il torneo con un tennis aggressivo da fondo campo e mostrare nel complesso qualcosa in più rispetto a tutte le avversarie incontrate, compresa la finalista Francesca Andreta, regolata con il punteggio di 4-0 4-1.

La premiazione del torneo femminile: da sinistra, Emilio Picasso (presidente Sezione Tennis di Bocconi Sport Team), Bellosi, Andreta e Amanda Gesualdi (Foto da:Ufficio Stampa Tennis Rozzano)
La premiazione del torneo femminile: da sinistra, Emilio Picasso (presidente Sezione Tennis di Bocconi Sport Team), Bellosi, Andreta e Amanda Gesualdi (Foto da:Ufficio Stampa Tennis Rozzano)

 

Grande sorpresa invece nel torneo maschile: ci si aspettava un affare a due fra Federico Visioli e Lorenzo Capucci, invece ha dominato il parigino Ramadier, gigante con un passato nel team della James Madison University della Virginia (Stati Uniti) e un presente da giocatore vero, in grado di competere anche a livello internazionale.

 La premiazione del torneo maschile: da sinistra, Picasso, Coruzzi, Ramadier e Gesualdi (Foto da:Ufficio Stampa Tennis Rozzano)
La premiazione del torneo maschile: da sinistra, Picasso, Coruzzi, Ramadier e Gesualdi (Foto da:Ufficio Stampa Tennis Rozzano)

 

A dimostrarlo, c’è proprio il suo ruolino di marcia nel torneo: partito dalle retrovie, ha lasciato per strada appena cinque giochi in quattro incontri grazie a un tennis basato su un servizio bomba e una buona dimestichezza con ogni tipo di soluzione. L’unico in grado di combatterci alla pari è stato Visioli, capace in semifinale di impegnarlo fino al tie-break del secondo set, ma non di trascinarlo al terzo. Francese anche il finalista, Hugues Coruzzi, giunto stanco all’ultimo atto dopo la battaglia vinta al turno precedente contro Capucci, e incapace di opporre resistenza al connazionale (4-0 4-0).

Archiviato il torneo annuale di singolare, ai due team universitari (che si allenano proprio sui campi di Rozzano, sotto la guida di Amanda Gesualdi) rimangono i Campionati Europei di Valencia, previsti per maggio, e le competizioni a squadre fra atenei, denominate Fed Cup e Coppa Davis proprio come quelle dei ‘pro’ (eventi che da quest’anno sono riconosciuti anche a livello federale).

 “La squadra femminile – spiega la Gesualdi – ha superato il primo turno battendo le rivali del Politecnico, ed è già in semifinale. I ragazzi, invece, hanno perso il primo incontro ma vinto il secondo contro l’Università Bicocca, e sono ancora in corsa per un buon campionato”.

Spostando invece l’attenzione sull’attività del Tennis Rozzano, il torneo universitario ha fatto da spartiacque fra le quattro tappe del Memorial Sergio Gasparini, circuito di tornei sempre con formula rodeo.

In archivio l’evento di terza categoria maschile limitato 3.3 e vinto da Federico Greni su Paolo Longo, oltre al primo dei due Open femminili, ricco di stelle e conquistato dalla ‘solitaMartina Colmegna, diciassettenne brianzola capace di imporsi per la quarta volta in cinque apparizioni a Rozzano. In evidenza anche Elisa Villa, ex atleta del TRTT, giunta in semifinale. Chiuderanno il circuito un altro Open femminile e un torneo di terza categoria maschile.

Marco Caldara

Alessandro Saini

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi