Lampre-Merida, tutto pronto per il Gp Harelbeke e la Gand-Wevelgem
Ti piace questo articolo? Condividilo!

E’ tempo di Classiche del Belgio per la LAMPRE-MERIDA.

Lo staff tecnico della formazione blu-fucsia-verde ha selezionato i seguenti corridori per i primi due affascinanti appuntamenti, ovvero il Gp Harelbeke (28 marzo) e la Gand-Wevelgem (30 marzo): Filippo Pozzato (vincitore ad Harelbeke nel 2009), Niccolò Bonifazio, Davide Cimolai, Luca Dodi, Elia Favilli, Sacha Modolo, Andrea Palini e Maximiliano Richeze.

I direttori sportivi Maini e Marzano saranno supportati dai massaggiatori Capelli, Del Gallo e Santerini, dai meccanici Baron e Bortoluzzo, dal dottor De Grandi e dall’autista Bozzolo.

Lampre-Merida (Foto da:www.teamlampremerida.com)
Lampre-Merida (Foto da:www.teamlampremerida.com)

 

Il Gp Harelbeke e la Gand-Wevelgem sono le nostre prime due corse in Belgio nel 2014: sarà importante avere subito un buon impatto, considerando anche che si tratta di appuntamenti World Tour – ha sottolineato il ds Maini – Domani avremo già modo di valutare come Pozzato, Modolo, Cimolai e Richeze hanno recuperato dopo gli sforzi e il freddo della Milano-Sanremo: il percorso è selettivo, la storia della corsa mostra come solo corridori con una grande condizione arrivano al successo, come accaduto con Pozzato nel 2009. Noi speriamo di essere davanti nel finale e di mostrare una buona coesione di squadra.

La Gand-Wevelgem darà qualche opportunità in più alle ruote veloci, quindi sarà imteressante vedere l’adattamento di Modolo a questo tipo di gare, senza dimenticare le qualità naturali di Pozzatoper queste corse.

Un ruolo decisivo sarà giocato dalle condizioni meteo: nel 2013 la neve e il freddo fecero grande selezione“.

Andrea Appiani

Carlo Saronni

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi