ESCLUSIVA: Sirene Milano, Erica Nicola parla della nuova stagione
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Le Sirene nascono nel 2011 come squadra femminile dei Seamen, storica società di football americano di Milano. Dalla sua fondazione, attraversando un massiccio ricambio di giocatrici alla fine del 2012, la squadra è sempre stata in crescita e oggi può contare su un roster di circa 25 ragazze, dai 15 ai 35 anni.

Il nostro gruppo è molto variegato, sia nelle età, sia nelle occupazioni” – dice Erica Nicola, running back delle Sirene – “Abbiamo studentesse, lavoratrici, medici e aspiranti medici, laureande in biologia, informatica e psicologia. Abbiamo anche persone che praticano più sport, come calcio, lotta e hockey su ghiaccio“.

Erica, 23 anni, non si ferma mai: studia, lavora, e nel tempo libero si divide proprio tra football e hockey. L’anno scorso ha giocato il primo campionato di football americano femminile mai organizzato in Italia (il CIFAF) proprio con le Sirene, che per l’occasione si erano unite alle Tempeste di Busto Arsizio.

Foto: ufficio stampa Sirene Milano
Foto: ufficio stampa Sirene Milano

Quest’anno, grazie alla crescita del numero delle giocatrici che può garantire il giusto ricambio, le Sirene parteciperanno al campionato come team indipendente. La struttura del campionato è divisa in due gironi – nord e sud – con semifinali incrociate.

Il campionato sarà difficile e d’intensità maggiore dell’anno scorso. Le squadre si sono divise e rimescolate, alcune sono nuove e altre purtroppo non si sono riscritte, altre invece, rimangono capi saldi del panorama italiano. Insomma, è molto stimolante e non vediamo l’ora di confrontarci e metterci in gioco. Sono molto felice e orgogliosa di poter affrontare il campionato con un adeguato numero di compagne di squadra affascinate da questo sport travolgente“.

E proprio in vista del campionato, le Sirene hanno giocato la prima amichevole di pre-season la scorsa domenica, contro le Fenici Ferrara, vincendo per 22-18 anche grazie a due touchdown di Erica.

La mia squadra ha reagito molto bene. Certamente questa è solo la prima tappa di un lungo percorso, ma le piccole soddisfazioni aiutano ad avere più forza e sicurezza per affrontare le grandi sfide nel prossimo futuro.

Vi allenate al Vigorelli, cosa ne pensi della struttura? 

Il Vigorelli è un struttura vecchia, ma con un campo nuovo in sintetico. Le sue mancanze strutturali vengono annullate dall’atmosfera che regala. Quando entri respiri football. Abbiamo anche la fortuna di poter usufruire di un sacco di materiale specifico per il football, che ci ha sicuramente aiutato nella preparazione.

Il football americano è da sempre visto come uno sport da uomini: avete avvertito dei pregiudizi nei vostri confronti?

Ma no… in fin dei conti il football femminile ha suscitato grande interesse in chi gioca in squadre maschili e in chi le segue. Ovviamente, essendo agli inizi, non abbiamo delle partite ad alto livello di spettacolarità e anche le regole decise dalla federazione ci hanno limitato, ma grazie a una larga fetta di persone che credono in noi, nella nostra forza e determinazione, stiamo crescendo tutte insieme e in tutta Italia. Sicuramente abbiamo sorpreso e sbalordito: la nostra tenacia, il nostro impegno, la nostra potenza e la nostra caparbietà hanno ‘catturato’ i curiosi.

 

Il campionato delle Sirene inizierà il 4 Maggio proprio in casa, al Vigorelli, contro le Red Rogues.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi