Al via l’edizione 2014 dell’Accademia del Volley
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Si rinnova anche per l’anno 2014 l’esperienza di formazione sul campo per allenatori organizzata dal Comitato Regionale della Lombardia della Federazione Italiana Pallavolo. Il progetto Accademia del Volley, curato dal Coordinatore Tecnico Regionale Oreste Vacondio (selezionatore regionale della Lombardia e primo allenatore del Vero Volley Monza di serie A2 maschile), mira a sperimentare nuove modalità di comunicazione dei contenuti metodologici e tecnici dei corsi di aggiornamento. A questo scopo, gli allenatori iscritti all’Accademia prenderanno parte in prima persona alle sessioni di allenamento della selezione regionale lombarda, lavorando a contatto con lo staff federale, con l’obiettivo di seguire più a fondo il percorso di apprendimento e condividere la metodologia di lavoro utilizzata dal docente.

photo credit: cuattovolley via photopin cc
photo credit: cuattovolley via photopin cc
Il corso si svolgerà dal 16 al 25 giugno 2014 a Darfo Boario Terme, nel corso del collegiale di preparazione al Trofeo delle Regioni, vinto lo scorso anno proprio dalla selezione regionale maschile Under 15 della Lombardia. I corsisti potranno inoltre partecipare, a propria scelta, allo stesso Trofeo delle Regioni, in programma a Scanzano Ionico (Matera) dal 27 giugno al 4 luglio.
L’Accademia del Volley è aperta agli allenatori che siano in possesso della qualifica di Allenatore di 2° Grado, previo colloquio di selezione; i posti disponibuli sono 20. La quota di iscrizione è di 700 euro a persona, esclusa la partecipazione al Trofeo delle Regioni, che ha un costo aggiuntivo di 540 euro. Le domande di ammissione dovranno essere inviate entro lunedì 12 maggio compilando il modulo disponibile sul sitowww.lombardia.federvolley.it.
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi