Ti piace questo articolo? Condividilo!

E’ un podio interamente con i colori Porsche quello di gara-2 a Monza in occasione del 2° appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo. Le GT3R tedesche sono state imbattibili, permettendo a Donativi-Gagliardini (Ebimotors) di conquistare la prima vittoria stagionale davanti ai due equipaggi dell’Autorlando, Beretta-Carboni e Bianco-Babini, tutti racchiusi sotto alla bandiera a scacchi in appena 25 centesimi di secondo.

Grazie alla vittoria, Donativi e Gagliardini balzano al comando della classifica GT3 con 37 punti davanti aCarboni Beretta (34) e Mapelli e Schoeffler (31).

Nella GT Cup si sono imposti Tempesta-Iacone (Lamborghini Gallardo-Bonaldi Motorsport) davanti alle due Porsche dell’ Antonelli Motorsport di Galbiati-Passuti,  che si confermano leader di classe con  55 punti, e Baccani-Venerosi.

photo credit: Daviel Stosca via photopin cc

Gara-2: E’ stata una gara davvero combattuta e ricca di colpi di scena dove l’agonismo e lo spettacolo l’hanno fatta da padroni. Al via Mapelli, scattato dalla seconda fila, era bravo a portarsi al comando davanti ad AmiciLancieri e Zonzini, ma nel corso del primo giro il sanmarinese doveva cedere la posizione a Gagliardini. Nella GT Cup Schiattarella prendeva la testa davanti a Zanardini e Maestri.

Al 5° giro Amici tentava l’attacco a Mapelli, ma il romano  arrivava lungo alla 1^ Variante e perdeva il contatto con il portacolori Audi. Al passaggio successivo Carboni aveva la meglio su Zonzini, mentre nella GT Cup Zanardini scavalcava Schiattarella portandosi al comando della classe.

Al 7° passaggio il portoghese Mora si insabbiava alla 2^ di Lesmo lasciando a Magli l’8^ posizione, mentre al nono giro Amici passava a condurre la gara con un bel sorpasso su MapelliCarboni eZonzini, invece, davano vita ad un acceso duello per la 5^ piazza.

All’11° giro una vettura ferma all’Ascari obbligava il direttore di gara a far entrare la safety car.  Tutti, tranne i due di testa Amici Mapelli,  ne approfittavano per entrare ai box per effettuare il cambio e, al restart, era così Benucci, subentrato a Lancieri,  a ritrovarsi al comando davanti a Donativi, succeduto aGagliardiniCapelloFerraraBerettaBabiniBontempelli e FrassinetiBarri Schoeffler, invece, che avevano preso il volante, rispettivamente, da Amici e Mapelli, si accodavano nelle posizioni di centro classifica, mentre nella GT Cup al comando saliva “El Pato” davanti a Bodega e Iacone.

Con le posizioni ravvicinate a causa della neutralizzazione, la gara si faceva subito accesa con Beretta che al 14° giro aveva la meglio su Ferrara e Capello, mentre alla tornata successiva Benucci doveva cedere la leadership  a Donativi. Il portacolori dell’MP1 non riusciva a difendere la posizione e nello stesso passaggio veniva scavalcato anche da BerettaCapelloFerrara e poco dopo anche da Babini. Dalle retrovie, intanto, risaliva uno scatenato Barri che al 16° passaggio, alla staccata della Parabolica, nel tentativo di sorpasso a Bontempelli, si scomponeva andando a urtare l’incolpevole Benucci, che si insabbiava. Nella GT Cup Passuti, subentrato a Galbiati, saliva terzo alle spalle di “El Pato” e Iacone.

Con sei piloti in lizza per il gradino più alto del podio, la gara regalava ancora emozioni con Babini che al 19° passaggio all’Ascari aveva la meglio su Ferrara portandosi in scia di Capello, che riusciva a scavalcare  al 22° giro. Una gara davvero fantastica, con  un grintoso Donativi che riusciva a tener dietroBeretta, poi BabiniCapelloFerraraBontempelli e Frassineti, tutti racchiusi in poco più di tre secondi. Ma non era finita. Al 23° giro Babini si incollava a Beretta, mentre Ferrara Capello si toccavano alla 2^ di Lesmo. Ad avere la peggio era il pilota astigiano che scivolava in settima posizione alle spalle di Bontempelli e Frassineti. Un decphappamento di un pneumatico, invece, toglieva a “El Pato” la leadership della GT Cup, che passava a Iacone davanti a Passuti e Baccani.

L’ultimo giro regalava ancora emozioni, con il sorpasso di Beretta a Donativi grazie ad un taglio di variante, ma nel post gara il portacolori dell’Autorlando veniva retrocesso in seconda posizione. A salire sul gradino più alto del podio erano, così, Donativi-Gagliardini, davanti a Beretta-Carboni Bianco-Babini. Quarti concludevano Magli-Ferrara che chiudevano davanti a Bontempelli-CacciaCapello-ZonziniFrassineti-NecchiMapelli-SchoefflerAmici-Barri e Tempesta-Iacone, che si aggiudicavano la GT Cup precedendo Galbiati-Passuti e Baccani-Venerosi.

Classifica  GT3: 1. Donativi e Gagliardini 37; 3. Carboni e Beretta 34; 5. Mapelli e Schoeffler 31; 7. Benucci 28; 8. Capello e Zonzini 26; 10. Frassineti e Necchi 24; 12. Babini, Bianco, Magli e Ferrara 23; 16. Balzan e Giammaria 20

Classifica GT Cup: 1. Passuti e Galbiati 55; 3. Iacone e Tempesta 35; 5. Baccani, Venerosi, Maestri e Bodega 30; 9. Mancinelli e Goldstein  28; 11. Alessandri e Macori 27; 13. Bignotti 24; 14.”El Pato” 22

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi