Lampre-Merida: Criterium del Delfinato, Durasek risale al 16° posto in classifica
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Con una prova di regolarità sui 3 Gpm di 2^categoria e sui 3 Gpm di 3^categoria che hanno caratterizzato la 5^tappa del Criterium del Delfinato (Sisteron-La Mure, 189,5 km), Kristijan Durasek è rientrato nella top 20 della classifica generale.

(foto da: teamlampremerida.com)
(foto da: teamlampremerida.com)

 

Lo scalatore croato (foto archivio Bettini) sta fornendo una serie di prove di qualità quando la strada sale: a La Mure ha tagliato il traguardo nel gruppo dei migliori uomini di classifica, ottenendo la 17^posizione a 17″ dal vincitore Spilak. Con questo risultato, Durasek è balzato al 16° posto della classifica generale, con un ritardo di 2’32” dal confermato leader Froome.

Incidente di percorso per Valerio Conti, al traguardo in 76^posizione:

“Venivamo dalla discesa del Col de la Morte e ci stavamo avvicinando ad alto ritmo all’imbocco dell’ultima salita della tappa, la Cote de Laffrey – ha spiegato il giovane ciclista della Lampre-Merida – Mancavano circa 30 km al traguardo, ero in piedi sui pedali, quando l’auricolare della radio mi è uscito dall’orecchio ed è caduto verso il basso, impigliandosi nella ruota anteriore della mia bici. Per fortuna non sono caduto, ma ho dovuto fermarmi a sbrogliare il filo, perdendo tempo e dovendo così salutare il gruppo dei migliori. Ho provato a rientrare, ma ormai non c’era più nulla da fare”.

Giornata difficile per Anacona: ancora sofferente per i postumi della caduto nel quale è rimasto coinvolto nella 3^frazione, lo scalatore colombiano ha abbandonato la corsa in prossimità del rifornimento.

ORDINE D’ARRIVO
1- Spilak 4h51’24”
2- Kelderman 14″
3- Yates s.t.
4- Impey 17″
17- Durasek s.t.
76- Conti 10’45”, 79- Cunego s.t., 96- Favilli s.t., 122- Pozzato 24’37”, 140- Cimolai s.t., 146- Wackermann 34’13”, Anacona dnf

CLASSIFICA GENERALE
1- Froome 19h01’00”
2- Contador 12″
3- Kelderman s.t.
4- Talansky 33″
16- Durasek 2’32”

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi