Trofeo delle Regioni: strada in discesa per la Lombardia, è finale!
Ti piace questo articolo? Condividilo!
(foto da: Eugenio Peralta)
(foto da: Eugenio Peralta)

 

Continua il percorso vincente delle selezioni regionali della Lombardia al Trofeo delle Regioni – Kinderiadi in corso in Basilicata: entrambe le rappresentative sono approdate oggi alla finale dei rispettivi tornei, e nella mattinata di venerdì 4 luglio al PalaErcole di Policoro potranno difendere i titoli conquistati un anno fa nelle Marche.

Ben diverso il cammino delle due squadre nelle semifinali: per le ragazze ancora una volta nessun set perso contro il Lazio, mentre la formazione maschile è stata costretta a rimontare un set di svantaggio e annullare due match point prima di imporsi sulla Puglia.

La selezione femminile lombarda conquista dunque la sua terza finale consecutiva al Trofeo delle Regioni battendo il Lazio per 2-0 (21-18, 21-15). Il primo set comincia subito bene per la squadra di Pedullà (7-4), che di fatto mantiene il vantaggio sino al termine senza mai farsi avvicinare dalle avversarie (14-11, 17-13); più complicato l’avvio del secondo parziale, in cui la Lombardia si trova sotto 6-7 prima di ribaltare il risultato sul 14-10 e staccarsi definitivamente sul 17-11. Quasi perfette in attacco Tanase (64%) e Nwakalor (86%), mentre in ricezione Napodano e Imperiali portano le percentuali di squadra a un lusinghiero 78% di positività. Domani alle 9 le ragazze lombarde affronteranno il Piemonte, che nell’altra semifinale ha sconfitto la Toscana per 2-0 (22-20, 21-18).

Soddisfatto Luciano Pedullà al termine della gara:

“Abbiamo giocato un po’ più contratte del solito contro un Lazio molto ordinato a muro, ma le ragazze con buoni colpi d’attacco hanno portato a casa la vittoria. Finora sono state belle vittorie che ci gratificano, ma la partita più importante è quella di domani e non sarà assolutamente una gara facile. Conteranno le motivazioni delle due squadre”.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=6yybZgLaW9A]

 

Grande batticuore per la selezione maschile, che nella semifinale con la Puglia ottiene il successo per 2-1 (14-21, 22-20, 21-15) rimontando un set di svantaggio e annullando anche due match point. In grande difficoltà nel primo set, apertosi addirittura con uno 0-10 per i pugliesi, la selezione di Oreste Vacondio riesce a tenere il passo degli avversari nel secondo (6-7, 13-14) e arriva alla volata finale avanti 18-17; la Puglia piazza un break che sembra decisivo, portandosi sul 18-20 con due occasioni per chiudere, ma la Lombardia non molla e piazza una straordinaria rimonta, mettendo a segno un parziale di 4-0 per il 22-20.

Si va dunque al terzo set e anche qui Sbertoli e compagni sono costretti a rincorrere, partendo sotto addirittura 0-5; dal 10-11 la Lombardia ribalta il risultato sul 14-12 e allunga 17-12, concludendo la gara in trionfo. Protagonista ancora una volta Maiocchi, autore di ben 20 punti tra cui 5 muri.

La finale maschile, che inizierà subito dopo quella femminile (alle 11 circa), vedrà dunque di fronte i lombardi e le Marche, che hanno superato il Piemonte per 2-1 (21-10, 18-21, 21-16) in un altro incontro combattutissimo.

“Abbiamo affrontato una squadra molto rapida, reattiva e abile – spiega Oreste Vacondio – che ha messo in evidenza qualche ingenuità dei nostri. Non eravamo abituati a faticare in questo torneo e lo svantaggio iniziale ci ha fatto soffrire; siamo stati bravi ad apportare alcuni correttivi in corsa e a ritrovare la lucidità che è stata decisiva nel finale del secondo set. La finale? Da prima dell’inizio del torneo ero sicuro che le Marche ci sarebbero arrivate; loro partono con i favori del pronostico, ma sarà una bella guerra”.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=tNwJ3kbClzA]

 

Eugenio Peralta

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi