Lampre-Merida: ottimo Rui al Tour de France, cadono Horner e Richeze
Ti piace questo articolo? Condividilo!
(foto da: teamlampremerida.com)
(foto da: teamlampremerida.com)

 

Tanta, tantissima gente sulle strade dello Yorkshire per la Grande Partenza del Tour de France 2014, con la tappa Leeds-Harrogate di 190,5 km.

Due gli obiettivi di giornata per il Team Lampre-Merida: supportare al meglio Rui Costa (in foto, Bettini, schierato al via al fianco di del principe William e della principessa Kate) per evitare le insidie del percorso, con strade nervose e in alcuni tratti strette, e cercare con Modolo un risultato di spicco nell’eventuale volata finale.

L’andamento intenso della corsa e la sede stradale stretta hanno in effetti reso difficile la tappa. In particolare, le strade strette dei tre Gpm di giornata il gruppo hanno più volte frazionato in tanti tronconi, costringendo i corridori ad affannosi recuperi.

Una caduta occorsa nelle posizioni di testa del gruppo nel 2° Gpm ha coinvolto Horner (nessuna conseguenza fisica rilevante), causando un frazionamento che ha portato gli atleti della Lampre-Merida a dover rientrare sul plotone, operazione riuscita grazie a un brillante Oliveira, vestito con la nuova maglia di campione nazionale portoghese prodotta da Champion System.

Una successiva caduta ha visto protagonista Richeze, il quale ha riportato una escoriazione al ginocchio destro e una contusione al fianco. L’incidente ha rallentato Modolo, trovatosi col compagno Cimolai a dover rincorrere il gruppo: successivi frazionamenti hanno rallentato la rimonta, impedendo così al velocista veneto di prendere parte allo sprint finale, vinto da Kittel su Sagan.

Rui Costa ha pedalato in posizione sicura per tutto il tratto finale della tappa, scortato in maniera opportuna dai compagni, tagliando il traguardo in 31^posizione. Queste le parole del campione del mondo:

“Che spettacolo emozionante vedere così tante persone lungo la strada: abbiamo percepito una grandissima passione, incredibile.
Sapevo che oggi sarebbe stato molto importante evitare rischi e cadute, dato che tutti vogliono stare nelle posizioni sicure. Questa, con le strade strette e con tantissimi tifosi a incitarci, si è rivelata un’operazione non semplice. I miei compagni di squadra mi hanno aiutato tantissimo, siamo riusciti a evitare le insidie della tappa e situazioni complicate. Mi spiace che Modolo non sia riuscito a prendere parte allo sprint, sono sicuro che avrà occasioni per rifarsi. Un incoraggiamento anche per Richeze, caduto durante la tappa”.

Modolo ha commentato:

“I continui frazionamenti costringevano a rilanciare, a dover recuperare posizioni e a chiudere buchi. Quando è caduto Richeze, abbiamo messo il piede a terra, dovendo poi lanciarci in un inseguimento dispendioso e reso difficile dalla strada stretta e piena di tifosi.
Ho fatto fatica nel provare a rientrare, anche perché non era una giornata di quelle migliori: ringrazio Cimolai perché ha dato l’anima per cercare di riaccodarci al gruppo. Peccato non essere riusciti a onorare al meglio l’esordio al Tour e il supporto dei tantissimi tifosi incontrati oggi”.

ORDINE D’ARRIVO
1- Kittel 4h44’07”
2- Sagan s.t.
3- Navardauskas s.t.
4- Coquard s.t.
31- Rui Costa s.t.
64- Oliveira s.t., 65- Horner s.t., 73- Serpa s.t., 126- Valls s.t. , 131 Durasek s.t., 195- Cimolai 8’52”, 196- Modolo s.t., 197- Richeze 14’09”.

CLASSIFICA GENERALE
1- Kittel 4h44’07”
2- Sagan s.t.
3- Navardauskas s.t.
4- Coquard s.t.
31- Rui Costa s.t.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi