Biliardo: Rho, è show con la Coppa Lombardia
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Si parla ancora di stecca. E di stecca di alto livello. Domenica 13 luglio, dopo la kermesse valdostana dei campionati italiani, i riflettori si spostano in Lombardia, al Centro Sportivo Palabiliardo A.S.D. di Rho (MI) per la precisione: va in scena la Coppa Lombardia di biliardo. La prima edizione della Coppa Lombardia è il risultato del lavoro di squadra del Comitato Regionale. A seguito della presentazione di tutta l’attività sportiva Regionale relativa alla stagione sportiva 2012/2013, il Comitato si è visto riconoscere dall’Assessorato allo Sport della Regione Lombardia un contributo economico che, per decisione del Consiglio, è stato destinato nella sua quasi totalità al sostegno di questo evento. Una nota da evidenziare che sottolinea, non solo la passione degli addetti ai lavori, ma anche il fatto che quando si lavora insieme per un obiettivo comune, diventa possibile raggiungerlo.

Biliardo, photo credit: shanes2 via photopin cc
Biliardo, photo credit: shanes2 via photopin cc

Oltre 60 i giocatori che si sono distinti per i risultati conseguiti a livello nazionale, regionale e provinciale nella stagione sportiva in corso (i migliori 24 in classifica generale BTP, i migliori sedici atleti di 1° categoria in classifica regionale, i migliori sedici atleti di 2° categoria in classifica regionale e il primo atleta di 3° categoria per ogni classifica provinciale lombarda) e che animeranno il Palabiliardo per questa prima edizione della Coppa.

Tanti i nomi di spicco del panorama biliardistico, non solo lombardo ma anche nazionale, che si aggireranno tra i tavoli milanesi: primo fra tutti “il Signore delle bilie”, Salvatore Mannone, dalla giocata regale ed elegante, reduce da un terzo posto ai recenti campionati italiani conquistato dopo una semifinale spettacolare e combattuta contro Michelangelo Aniello. Oltre a lui anche il neo campione italiano a coppie Marco Sala; Paolo Marcolin, fresco campione regionale a squadre con Fabrizio Borroni, e ancora Giorgio Colombo, Giacomo Ferretti, Daniel Lopez, e la “voce” del biliardo televisivo, Auro Bulbarelli, giornalista di Raisport e grande giocatore, per citarne qualcuno.

Ma non finisce qui. Ci saranno anche due atleti speciali a cui sono state assegnate due “wild Card”, due nomi che chi mastica il biliardo conosce molto bene e con i titoli italiani, europei e mondiali conquistati hanno fatto sicuramente la storia del biliardo non solo italiano ma mondiale: Attilio Sessa e Giampiero Rosanna hanno entrambi tutta l’intenzione di conquistare la Coppa.

E proprio a loro sarà consegnato un riconoscimento che, non solo vuole ringraziarli per le gesta sportive che  ci hanno regalato, ma che racchiude in sé l’essenza del lavoro che il Comitato e la Federazione stanno portando avanti negli ultimi anni: “La passione per il biliardo ad esempio per le nuove generazioni” è la frase scelta e inscritta sui premi, un messaggio forte che vuole urlare all’universo sportivo che il biliardo è a tutti gli effetti un’attività educativa per i giovani. Una sorta di passaggio di testimone per le generazioni future di questo sport che non conosce limiti di età e che sta facendo crescere un vivaio di grande livello.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi