Master della Brianza: Sorpasso Leoni, Andreoni vince ma lascia il circuito
Ti piace questo articolo? Condividilo!
La premiazione a Villasanta: da sinistra, Paolo Albertoni, Margherita Colombo, Ilaria Leoni, Marta Zuttion e Simone Ratti (foto da: Ufficio Stampa Master della Brianza)
La premiazione a Villasanta: da sinistra, Paolo Albertoni, Margherita Colombo, Ilaria Leoni, Marta Zuttion e Simone Ratti (foto da: Ufficio Stampa Master della Brianza)

 

Il sorpasso è servito. Ilaria Leoni vince a Villasanta e mette la freccia su Patrizia Pozzoli. E così la ragazza di Tirano, in provincia di Sondrio, diventa la nuova leader della classifica generale femminile del circuito Master della Brianza, staccando di tre lunghezze la canturina, che fin qui non aveva fatto altro che consolidare il suo vantaggio tappa dopo tappa.

Il cambio al vertice arriva così dopo la sesta tappa del circuito in rosa, quella giocata sulla terra rossa del Tc Villasanta. Torneo che ha incoronato la valtellinese quale nuova leader: per incamerare i 20 punti freschi freschi, Ilaria ha dovuto superare la giovane Margherita Colombo, classe 2000, tesserata per il Tennis Rozzano Training Team.

6-3 6-2 il risultato finale di un incontro che ha avuto soltanto una padrona nonostante le velleità dell’under milanese. Punti utili per proseguire nella corsa alla settimana conclusiva, in programma al Tc Arcore a cavallo tra settembre e ottobre. Proprio come quelli che vanno anche alle due semifinaliste: vale a dire a Marta Zuttion e Roberta Lise. La prima, 4.5 tesserata per lo Sportrend Melzo, è stata autrice di un bel balzo nelle graduatorie generali, saltando dal di fuori delle prime 10 direttamente al terzo posto.

 La premiazione a Giussano: da sinistra, Giuseppe Iagrossi, Carlo Andreoni, Chiara Ballabio, Marco Gerosa, Giovanni Ursino e Alessandro Barretta
La premiazione a Giussano: da sinistra, Giuseppe Iagrossi, Carlo Andreoni, Chiara Ballabio, Marco Gerosa, Giovanni Ursino e Alessandro Barretta(foto da: Ufficio Stampa Master della Brianza)

 

In contemporanea con la prova femminile, si è disputata anche la tappa numero 7 del calendario maschile. Teatro la terra rossa del Ct Giussano, che ha incoronato il padrone di casa Carlo Andreoni, bravo a superare in rimonta il monzese Giuseppe Iagrossi (3-6 6-4 6-1 il punteggio conclusivo dell’incontro).

Ed è stato proprio quest’ultimo, tesserato per il Ct Monza, a giocare il ruolo della grandissima sorpresa: partito con la sua classifica di 4.NC, Iagrossi è entrato in gioco al primo giorno della competizione e ha messo in fila tutti fino all’atto conclusivo. Un percorso incredibile, realizzato per altro lasciando soltanto il minimo indispensabile agli avversari di turno.

Dal canto suo ride a metà anche Andreoni, perché se è vero che ha alzato il trofeo, è altrettanto vero che non potrà più provarci e dovrà abbandonare i suoi sogni di gloria fin da subito. Per quanto riguarda il Master della Brianza per lo meno. Sì, perché il portacolori del Ct Giussano è stato promosso in terza categoria, e perde così il diritto di partecipare ai tornei del circuito.

Prestazioni degne di nota, sempre sul rosso giussanese, anche quelle di Giovanni Ursino, 4.1 tesserato sempre per il tennis locale, e di Alessandro Barretta, pure lui 4.1 ma del Roseda di Merate: entrambi hanno raggiunto una preziosa semifinale.

Soprattutto per Barretta, che salendo a quota 20 in classifica generale si piazza appena fuori dai primi ma comunque saldamente all’interno dei Top 10. Ma l’estate senza tregua del Master non si ferma nemmeno in luglio inoltrato: sono già in corso di svolgimento la settima tappa femminile al Tc Desio e l’ottava prova maschile sui campi del Ct Monza. Insomma, il Master 2014 non si ferma mai.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi