Beach Soccer: Milano, tripletta e primato
Condividi l'articolo

Si è chiuso con la vittoria della Sambenedettese sui padroni di casa il fine settimana di gare di Viareggio valido per la 3^ ed ultima tappa della regular season del girone A della Serie A Enel. Il campionato italiano di beach soccer targato FIGC-Lega Nazionale Dilettanti non si è fermato nemmeno davanti al maltempo, la pioggia non ha scoraggiato il caloroso e competente pubblico viareggino figurarsi i beachers italiani ed internazionali in forza alle squadre di scena al Betclic Beach Stadium allestito sulla Darsena ed intitolato alla memoria di “Matteo Valenti”. Le furie bianconere allenate da Stefano Santini chiudono comunque la tre-giorni casalinga tra gli applausi e, con il primato in classifica, mandano un messaggio chiaro alle altre squadre: per lo scudetto ci sono anche loro e vogliono recitare un ruolo di protagonisti. Soprattutto se Gabriele “tin-tin” Gori continua a giocare con la stessa classe e sostanza delle ultime partite. L’attaccante viareggino si è involato a quota 22 reti (148 nella sua storia sulla sabbia, tutte con la maglia del Viareggio), primo assoluto nella speciale classifica riservata ai migliori marcatori, e su di lui confidano i bianconeri per scrivere la storia del team versiliese. Nella gara con la Samb alla fine ha prevalso la voglia e la determinazione dei marchigiani, trascinati da un Jordan onnipresente e da un Pastore insormontabile in difesa. La formazione di Di Lorenzo ha avuto il merito di giocare da squadra proprio nel match decisivo, anche perché Viareggio non le ha regalato nulla. I sambenedettesi quindi possono finalmente esultare, mentre la dura legge del campo condanna il Barletta alla tristezza di un sogno sfumato proprio sulla linea del traguardo. I pugliesi, infatti, hanno disputato un campionato quasi perfetto, ma alla fine si sono dovuti arrendere solo per un punto. Insieme al Viareggio e alla Samb, volano all’ombra dell’Etna per giocarsi il tricolore anche Anxur Trenza e Milano. La premiata ditta Carmo-Jordan regala la gioia più grande alla matricola Anxur che dopo la sconfitta all’esordio ha confezionato una stagione esaltante vincendo cinque delle sei gare restanti. Il gioco espresso in questa tappa ed in quella di Marina di Pisa rendono merito alla squadra laziale ed al suo staff in grado di allestire una formazione competitiva veramente in poco tempo. Bene anche Milano che entra nelle migliori quattro non senza qualche patema d’animo. I campioni d’Italia in carica hanno dovuto piegare proprio nell’ultima gara le resistenze di un Pisa gagliardo facendo affidamento a tutta l’esperienza del gruppo allenato da Panizza. Nella giornata in cui il brasiliano Leo sembra non essere in vena, ci pensa Eudin a trascinare i lombardi alla finali facendo leva sulla qualità degli italiani Maiorano e Zambelli, i migliori tra i rossoneri. Al Pisa di mister Cecchi vanno comunque gli applausi dell’intero movimento perché alla prima stagione in Serie A è stato capace di giocarsi fino all’ultimo minuto un risultato storico quale la qualificazione alle fasi finali. I nerazzurri, dopo l’esordio in Coppa Italia ad inizio giugno, sono migliorati partita dopo partita regalando spettacolo e dimostrando una buona organizzazione di gioco. In ultimo, nella sfida tra le deluse Livorno e Lamezia, entrambe retrocesse in Serie B, l’ha spuntata la formazione toscana che ha sfoderato una prestazione maiuscola lasciando gli avversari in fondo alla classifica. “L’incertezza per la determinazione delle qualificate per le finali – ha affermato il Coordinatore del Dipartimento Beach Soccer Santino Lo Presti – ha confermato la qualità del beach soccer FIGC-LND con la conferma di club storici e nuove realtà emergenti. Sono convinto che anche il prossimo fine settimana a Montalto di Castro con il girone B assisteremo ad altri tre giorni di partite spettacolari”. Tutte le emozioni della tappa di Viareggio della Serie A Enel potranno essere vissute anche su Rai Sport 2 venerdì 25 luglio alle ore 24 con il commento di Fabrizio Tumbarello e Massimo Ronconi.

 

RISULTATI TAPPA DI VIAREGGIO

Venerdi 18/07/2014

Milano-Happy Car Sambenedettese                     4-0
Barletta-Livorno                                                             3-2
Viareggio-Lamezia                                                         11-4
Anxur Trenza-Pisa                                                         7-3

 

Sabato 19/07/2014

Happy Car Sambenedettese-Anxur Trenza        4-3
Barletta-Pisa                                                                    4-2
Milano-Lamezia Terme                                                4-3
Viareggio-Livorno                                                          6-0

 

Domenica 20/07/2014

Pisa-Milano                                                                      1-3
Barletta-Anxur Trenza                                                 1-4
Lamezia Terme-Livorno                                                              4-7
Viareggio-Happy Car Sambenedettese                                3-4

 

CLASSIFICA GIRONE A

Viareggio e Anxur Trenza 15 puntiMilano 14Happy Car Sambenedettese 14; Barletta 12; Pisa 8; Livorno 3; Lamezia 0.

 

CLASSIFICA MARCATORI

22 gol: Gori (Viareggio)
10 gol: Jordan (Anxur Trenza), Leo (Milano)
8 gol: Llorenc (Terracina),  Giannecchini (Pisa), Ramacciotti (Viareggio)
7 gol: Gabriel, Rodrigo (Catania).
6 gol: Be Martins (Catania), Bafode (Panarea), Cinquini (Pisa), Salvadori (Livorno), Jordan (Samb), Maiorano (Milano), Muraca (Lamezia).
5 gol: Curci (Barletta), Palma (Samb), Remedi (Viareggio), Savarese e Torres (Anxur Trenza), e Marinai (Viareggio), Bonamici (Pisa), Coscarelli (Lamezia), Soria (Samb)
4 gol: Carmo (Anxur Trenza); Chiavaro, Maci, Palazzolo (Canalicchio Ct), Ardizzone (Catanese), Zurlo (Catania), Mauro (Catanzaro), Moxedano (Hermes Casagiove),  , Taiarui (Villafranca), Andrezinho (Terracina ), Souza (Milano).
3 gol: Pasquali (Anxur), De Lorenzo N. e Zingrillo, Persia (Barletta), Condorelli G., Randis (Canalicchio Ct), Garofalo, Campanella (Catanese), Vasile (Catanzaro), Gregoraci, (Panarea), Marcucci, Corsale (Hermes Casagiove), Eudin e Casiraghi (Milano), Medero (Villafranca), Bruno Novo, Juninho (Samb), Marrucci Ma. (Viareggio).
2 gol: Fontana (Anxur Trenza), Riondino, Papagno, Montenegro (Barletta), Bonanno, Borbone (Catanese), Pascu (Catanzaro), Grassi (Milano), Morabito (Panarea), Carotenuto, Corosiniti, Frainetti, Olleja M., Palmacci (Terracina), Di Palma, Germanò (Villafranca), Maiorana, De Meo, Lo, Rossi, Grossi (Livorno), Perez (Samb) .
1 gol: Simonelli, Altobelli, Jordan (Anxur Trenza), Federici, Grasso, Missale (Catanese), Franceschini, Urso (Catania), Marletta (Canalicchio), Gentile, Ortolini (Catanzaro), Capobianco, Gravino, Palumbo, Portone, Sibilli (Hermes Casagiove), Notaris, Orlando (Lamezia), Gambino, Domenici (Livorno), Zambelli (Milano), Cataldo, , Procopio, Rotundo (Panarea), Barberi, Morgè, Bonadies, Degli Esposti, Morget, Cofrancesco, Laras (Pisa), Pastore, Marazza, Di Maio, , Feudi (Terracina), Carpita, Battini, Di Tullio (Viareggio), Spacca, Orofino, Polastri, Samoun (Villafranca)
1 autorete: Platania (Catania), Sibilli (Hermes Casagiove), Corosiniti (Terracina)

 

———————–

Le gare

PISA-MILANO   1-3 (1-1, 0-1, 0-1)

Pisa: Lazzerini, Scarpellini, Laras, Rognini, Giannecchini, Bonadies, Bonamici, Faccone, Degli Esposti, Cofrancesco, Cinquini, Tranquillo. All. Cecchi.
Milano: 
Menescardi, Campolongo, Grassi, Maiorano, Eudin, Leo, Mancuso, Casiraghi, Souza, Zambelli, Mantegazza. All. Panizza.
Arbitri: 
Romani di Modena, Feleppa di Gorizia. 
Reti: 
4’ pt Maiorano (M), 7’ pt Giannechini (P), 12’ st Eudin (M), 5’ tt Souza (M).
Note: 
Ammoniti: Degli Esposti (P). Espulsi:  Degli Esposti per doppia ammonizione al 9’ st.

Altissima la posta in palio nel primo incontro di giornata: tra Pisa e Milano in gioco c’è la qualificazione alla poule scudetto di Catania. L’inizio della gara è contraddistinto da ritmi bassi, controllo di palla e studio dell’avversario. Il primo brivido infatti arriva solo su calcio da fermo, sul pallone si presenta Souza che dalla destra allarga troppo la traiettoria sfiorando il palo più lontano della porta toscana. Contro tutti i pronostici della vigilia, i campioni d’Italia in carica, complici diversi infortuni e la perdurante assenza del campione spagnolo Amarelle, sono giunti all’ultima gara della regular season a giocarsi la possibilità di ripetersi consecutivamente nell’albo d’oro della Serie A Enel. Normale che affrontino questa gara con le molle, ma nei momenti difficili sono i giocatori di maggiore qualità ad emergere ed al 4’ è Maiorano a dimostrarlo trovando il guizzo giusto per portare in vantaggio i lombardi. I pisani non sono da meno e dopo 2’ raggiungono il pareggio con una grande giocata di Giannechini con una botta secca dal limite dell’area. Al 9’ Casiraghi sale agli onori della cronaca girando di sinistro di prima intenzione da posizione defilata, ma Lazzerini non è da meno intervenendo con la punta delle dita e salvando la porta pisana. L’estremo difensore toscano si ripete prima della sirena su calcio di punizione insidioso dalla sinistra di Eudin. Il grande equilibrio contraddistingue anche la seconda frazione. Maiorano prova a rompere gli schemi su punizione ma Lazzerini compie un miracolo. Col passare dei minuto Milano conquista il pallino del gioco ma non è fortunato soprattutto quando Eudin al 5’ calcia dalla sinistra colpendo il palo alla destra del portiere pisano. Al 9’ il Pisa è costretto all’inferiorità numerica temporanea a causa dell’espulsione Degli Esposti, ma riesce comunque a tenere botta quasi fino allo scadere quando però nulla può fare sulla rovesciata di Eudin dal limite dell’area. Ad inizio terza frazione tenta la giocata acrobatica Giannecchini ma il pallone esce di poco a lato. Milano non si scompone ed al 5’ riesce ad allungare per la prima volta nel match con Souza che lascia partire un missile dall’out di destra che sorprende la retroguardia avversaria.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi