Tuffi, assoluti di Cosenza: Elena Bertocchi porta a casa 3 medaglie
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La tuffatrice della Canottieri Milano Elena Bertocchi si è confermata ai più alti livelli nazionali ai campionati assoluti estivi open Herbalife. La giovane milanese ha portato a casa un primo posto, nel sincro dai 3 metri con Maria Elisabetta Marconi, e due secondi posti, nel trampolino da un metro e dai 3 metri.

Elena Bertocchi sempre protagonista (Foto da facebook.com/elena.bertocchi.9).
Elena Bertocchi sempre protagonista (Foto da facebook.com/elena.bertocchi.9).

Agli assoluti mancavano Tania Cagnotto, Francesca Dallapè e Maria Marconi, con Tania e Maria già certe di partecipare agli Europei di Berlino per scelta della Federazione.

Grande lotta nella finale dai 3 metri, nella quale ha avuto la meglio una bravissima Laura Bilotta sulla ‘nostra’ Elena Bertocchi: 284.40 il punteggio della Bilotta, Elena invece a chiuso con 255.30, con il rimpianto di essere stata in testa fino all’ultimo tuffo. 

Ecco i risultati delle finali in cui la Bertocchi è stata impegnata.
25 luglio – 1^ giornata – Finali
3 metri sincro F
1. M. Marconi (Fiamme Gialle/Lazio)-E. Bertocchi (Esercito/Can Milano) 262.50
2. Catalano-Gonzaga (CC Aniene)-E. Mosena (Triestina N) 230.55
3. M. Turco (Fiamme Gialle/Trieste Tuff)-P. Flaminio (Trieste Tuffi Edera) 194.58
26 luglio – 2^ giornata – Finali
3 metri F
1. Laura Bilotta (Fiamme Oro/Tubisider Cosenza) 284.89
2. Elena Bertocchi (Esercito/Canottieri Milano) 255.30
3. Estilla Mosena (Triestina Nuoto) 212.15
27 luglio – 3^ giornata – Finali dalle 14.30
1 metro F
1. Maria Elisabetta Marconi (Fiamme Gialle/Lazio Nuoto) 254.20
2. Elena Bertocchi (Esercito(Canottieri Milano) 243.25
3. Michelle Turco (Fiamme Gialle/Trieste Tuffi Edera) 242.90
Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi