Lampre-Merida: Giro di Polonia, Mori ancora il migliore del Team
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Se la prima frazione del Giro di Polonia aveva visto un epilogo in volata al quale però, a causa dell’influenza del maltempo, non tutti i velocisti erano riusciti a prendere parte, la seconda tappa ha offerto alle ruote veloci una seconda occasione.

Il percorso della Torun-Varsavia (226 km) non presentava difficoltà altimetriche, favorendo quindi una volata finale a ranghi compatti, eppure anche questa volta i velocisti non hanno potuto banchettare. La colpa è del ceco Vakoc, capace di portare a termine in maniera vincente una fuga nata dopo i primi chilometri di gara (inizialmente l’azione era composta da tre attaccanti).

(foto da: teamlampremerida.com)
(foto da: teamlampremerida.com)

 

Il gruppo, sul traguardo con un ritardo di 21″, si è dovuto quindi accontentare dello sprint per i piazzamenti. Per la Lampre-Merida (foto Biondi/Bettini)è toccato ancora a Mori testare la propria attitudine alla volata: il corridore toscano ha ottenuto il 13° posto.

Giornata comunque più tranquilla per i colori blu-fucsia-verdi (leggasi nessuna caduta), con Cunego normalmente in corsa nonostante i quattro punti di sutura applicati alla ferita al ginocchio sinistro causata dalla caduta nella quale il veronese era rimasto coinvolto nella prima frazione.

Vakoc è il nuovo capoclassifica, Mori è 5° a 33″.

ORDINE D’ARRIVO
1- Vakoc 5h23’54”
2- Matthews 21″
3- Vallée s.t.
4- Sinkeldam s.t.
13- Mori s.t.
65- Modolo s.t., 68- Niemiec s.t., 69- Cunego s.t., 103- Cattaneo s.t., 147- Bono 2’23”, 148- Ferrari s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1- Vakoc 11h11’28”
2- Hutarovic 27″
3- Maikin 31″
4- Vallée 33″
5- Mori s.t.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi