Calciomercato Milan: Armero, Constant, Robinho, Romero e Diego Lopez
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Dopo tanti giorni d’immobilismo, l’accelerata decisiva: il calciomercato Milan ingrana la quarta e, nel giro di poche ore, si chiudono prima la cessione di Kevin Constant ai turchi del Trabzonspor e poi l’ingaggio di Pablo Armero dall’Udinese. Di mezzo, il ritorno di fiamma del Santos per Robinho, che a questo punto potrebbe davvero essere quello decisivo. Il credo di Adriano Galliani ha trovato ancora una volta conferme: prima si vende, poi si compra. Il primo a lasciare gli Stati Uniti è stato Constant, che ha salutato i compagni a colazione sbarcando a Milano diretto per la Turchia: per lui pronto un contratto di quattro stagioni a due milioni di euro all’anno. Ceduto Constant, Galliani ha bloccato Armero con un accordo di massima con Udinese e agente del calciatore. Il colombiano si è rilanciato alla grande durante il Mondiale, dopo l’esperienza poco felice di Napoli.

Adriano Galliani (photo credit: calciostreaming via photopin cc
Adriano Galliani (photo credit: calciostreaming via photopin cc

Venerdì, intanto, nuovo incontro tra Inzaghi e Galliani a Forte dei Marmi, dove si pianificherà la parte finale del mercato. Capitolo portieri: l’ultimo nome è quello dell’argentino Romero, in uscita dalla Sampdoria che ieri ha ingaggiato Viviano dal Palermo. Spaventa la concorrenza del Monaco, motivo per il quale i rossoneri hanno subito virato su Diego Lopez del Real Madrid: ne stanno discutendo Galliani e Florentino Perez. In tutto questo il Santos ha rilanciato per Robinho: prestito fino al 30 giugno 2015, quando scadrà il contratto col Milan. L’ultima parola, come sempre, spetta al calciatore, anche se si respira ottimismo.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi