Nella foto, Giordano Mattera e Stefano Patriarca (Revivre Milano) a muro nel recente test di Piacenza (foto da: Ufficio Stampa Powervolley)
Nella foto, Giordano Mattera e Stefano Patriarca (Revivre Milano) a muro nel recente test di Piacenza (foto da: Ufficio Stampa Powervolley)

 

Prosegue la marcia di preparazione al campionato per la Powervolley Revivre Milano, attesa nel prossimo mese dal debutto nella SuperLega UnipolSai, il massimo campionato italiano maschile.

Dopo l’allenamento congiunto di mercoledì al Pavesi contro Cantù (terminato con la partita vinta 4-1 dai meneghini), la formazione di Marco Maranesi è attesa nel week end da un prestigioso appuntamento internazionale.

Sabato e domenica, infatti, la Revivre parteciperà al primo Volley Mont Blanc Trophy, quadrangolare in programma a Courmayeur (Aosta) e organizzato da Blu Volley Verona e Volley Olimpia Aosta.

All’evento (ospitato dal Courmayeur Forum Sport Center) parteciperanno anche Calzedonia Verona (altra formazione di SuperLega), i francesi dell’Asul Volley Lione e gli svizzeri del Luc Volleyball Losanna.

IL PROGRAMMA – Il quadrangolare si aprirà sabato alle 15 con la sfida tra Lione e la Revivre Milano, mentre alle 20 si affronteranno Verona e Losanna. Domenica, invece, alle 15 si giocherà la finale terzo-quarto posto, mentre alle 18 andrà in scena la finalissima.

Domenica, inoltre, spazio all’iniziativa “Porte aperte allo sport”, con dimostrazioni al palazzetto di arrampicata, pattinaggio, hockey, danza, freestyle per trascorrere un pomeriggio all’insegna del divertimento. L’ingresso per entrambe le manifestazioni sportive è libero.

FIPAV MILANO – In contemporanea, la società meneghina sarà presente alla cerimonia di inaugurazione della stagione sportiva 2014-2015 organizzata dal comitato provinciale di Milano della Federazione italiana pallavolo. L’evento è in programma domenica alle 10 all’Auditorium di Arluno (Milano) e la Powervolley Revivre Milano sarà presente con il vicepresidente Marco Collini.

Cristian Nisticò
mistic96@live.it
Sono nato e cresciuto in Lombardia. Mi considero giovanissimo e ambizioso, amante del calcio giocato e parlato; da sempre tifosissimo della Juventus, oltre che appassionato dei campionati inferiori e meno conosciuti di questo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.