Alla scoperta del Floorball: prima stagionale, FC Milano Molotov scalda i motori
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il Floorball Club Milano Molotov, squadra con quasi 15 anni di storia alle spalle, è pieno di energia e non vede l’ora di scendere in campo.  Questa è l’aria che si respira nei corridoi della Palestra della scuola Puecher in via Ulisse Dini, storico fortino dei ragazzi allenati da Giorgio Rambaldi e Alberto Ficara.

Inizio del campionato dilazionato per la squadra di Milano, che ha sfruttato il tempo a disposizione per rivedere e riprovare i meccanismi tattici messi a punto dai due coach. Mancano ormai pochi giorni all’inizio della nuova stagione:  sabato 11 ottobre è previsto il debutto su Campo Grande contro la squadra padovana SHC Firelions Serenissima, mentre domenica 19 primi due incontri su Campo Piccolo in quel di Ispra.

Floorball-FCMilano-10ott2014 (1) (Small)

Il floorball infatti si gioca in due formule: Il Campo Piccolo, ovvero 4 contro 4, (3 giocatori di movimento più il portiere per squadra) in un campo di 15×25 metri, con 2 tempi da 20 minuti non effettivi e il Campo Grande, standard a livello internazionale,  6 contro 6 (5 giocatori di movimento più il portiere per squadra) in un campo di 20×40 metri, con tre tempi da 20 minuti effettivi.

FC Milano disputa entrambi i campionati, ed inoltre partecipa con la sua squadra femminile, le FC Milano Bombshells, al Campionato Femminile.  Le ragazze rossoblu sono state vicecampionesse d’Italia nelle ultime due stagioni.

Il Floorball (conosciuto anche come Unihockey) è uno sport molto simile all’hockey su ghiaccio, ma non è necessario saper pattinare né allenarsi al freddo: si gioca con le scarpe da ginnastica in una palestra tradizionale, con stecca e pallina di plastica. E’ uno sport molto dinamico, di facile apprendimento e molto economico. In questi anni, sta vivendo un vero e proprio boom a livello mondiale: è candidato a diventare sport Olimpico per il 2020, ed è stato ammesso ai World Games del 2017.

Molto spesso quando si pensa all’hockey o alle stecche, corrono alla mente immagini di ingaggi violenti o di stecche viste come possibili armi:  al contrario, nel floorball i contatti fisici sono fortemente regolamentati,  e i molti progetti portati avanti anche nelle scuole primarie dimostrano come il numero di infortuni sia davvero ridotto, se paragonato a sport come calcio e basket.

Inoltre ci sono tante news che tengono banco in casa del Floorball Club Milano. Innanzitutto, la partecipazione al campionato di Campo Piccolo con ben due squadre: l’A-team con il classico nome “Molotov”, ed il farm-team denominato “Rockets”.

Dopo l’ottima stagione passata, con il primo posto nel girone Lombardia e la sconfitta a pochi secondi dallo scadere ai play-off, i Molotov cercano di bissare il successo nel girone di casa per poi giocarsi al meglio le proprie carte contro le temibili squadre altoatesine. La squadra Rockets invece darà la possibilità ai nuovi arrivati di buttarsi subito nella mischia, senza troppi timori reverenziali.

Novità anche per quel che riguarda il roster: tanti nuovi giocatori, sia esperti che alle prime armi, aiuteranno i consolidati veterani sul campo da gioco. Su tutti il giovane Luca Palermo, classe ’95, in arrivo direttamente dall’Austria.

Floorball-FCMilano-10ott2014 (2) (Small)

Registriamo infine importanti sviluppi dal punto di vista degli sponsor.  La Società ha sottoscritto diversi accordi di sponsorship, tra cui Azetx e E-floorballshop, per quel che riguarda il materiale tecnico, e Givova per l’abbigliamento. Ci sono ancora alcune sponde che circondano il campo di gioco da assegnare a chiunque sia interessato a sponsorizzare la squadra.

Inoltre segnaliamo che è in programma un cambio delle divise da gioco, e si auspica che si riesca a trovare un main sponsor che possa accompagnare i Molotov, fino alle sfide decisive per il titolo.

Per i lettori interessati a provare questo sport, l’invito è quello di visitare www.fcmilano.it , e di mettere il “mi piace” d’ordinanza alla pagina facebook  www.facebook.com/floorballmilano della squadra.

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi