Il milanese Peccenini grande protagonista nel Challenge Monoposto a Magny-Cours

Bel finale di stagione per Pietro Peccenini sul circuito di Magny-Cours al volante della Formula Renault della TS Corse. In Francia il pilota milanese e il team lombardo sono stati grandi protagonista del weekend nel Challenge Monoposto dei campionati VdV, che proprio sul tecnico circuito transalpino ha concluso il 2014 di gare. Nonostante i capricci di un meteo in continuo mutamento, tra condizioni di asciutto, umido e bagnato, Peccenini, quest’anno al debutto nella serie francese dopo aver concluso gli impegni nella F.Renault 2.0 Alps, è stato subito capace di conquistare punti validi per la classifica grazie ai positivi piazzamenti raggiunti in due delle tre gare disputate. Pietro è stato infatti la rivelazione di gara-2, dove ha concluso sesto, e di gara-3, dove ha concluso nono, dopo due belle rimonte e alcuni sorpassi in bagarre.

 Pietro Peccenini in azione (Foto: Agenzia ErregìMedia)
Pietro Peccenini in azione (Foto: Agenzia ErregìMedia)

Meno fortunata, invece, la sua prova nella corsa che aveva inaugurato il weekend, condizionata dalla scelta di pneumatici rispetto alle mutevoli condizioni della pista e dalla conseguente e obbligata lunga sosta ai box. Dopo aver “assaggiato” il Challenge Monoposto anche in ottica di pianificazione in vista della prossima stagione, il pilota milanese sarà di nuovo in pista sempre con la scuderia di Stefano Turchetto a metà novembre a Barcellona, che ospita i test dell’Eurocup di F.Renault.

Proprio alla luce dell’impegno sulla pista spagnola – commenta Peccenini di ritorno dalla Francia -, valuteremo la definizione dei programmi 2015. Intanto abbiamo vissuto un’esperienza positiva a Magny-Cours, dove abbiamo preso punti in due gare su tre e, nonostante avremmo potuto anche girare con tempi migliori (ma in primis abbiamo dovuto adattarci ai capricci del meteo), ci siamo pure divertiti rendendoci protagonisti di alcune spettacolari bagarre. La sensazione è che, pur presentando un livello di concorrenti un po’ disomogeneo, la serie francese è ben organizzata e merita di essere valutata. È stato bello, poi, lavorare bene con tutta la squadra, con la quale abbiamo dimostrato un’ulteriore crescita e ora affronteremo con la stessa determinazione i test di Barcellona.”

Foto allegata: Foto Marco Pieri

L’Ufficio Stampa / Agenzia ErregìMedia

News Reporter
Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi