La Unendo Yamamay Busto Arsizio della Diouf: tutto sulla presentazione
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Un successo annunciato: oltre 500 tifosi ha brindato ieri sera alla nuova stagione della Unendo Yamamay Busto Arsizio, presentata ufficialmente in un Magriffe Club pieno e ribollente di entusiasmo per le farfalle.

Foto: ufficio stampa UY Busto Arsizio.
Foto: ufficio stampa UY Busto Arsizio.

La serata #UYBAgala, condotta brillantemente da Roberto Prini, giornalista di SkySport, è corsa veloce ed ha visto salire sul palco tutta la squadra, lo staff tecnico e i dirigenti della società biancorossa. Grandi applausi e cori per tutte le ragazze, in particolare per Valentina Diouf, recente protagonista ai Campionati del Mondo con la maglia azzurra.
Ecco in sintesi le parole di tutti i protagonisti dell’evento:

Michele Forte (presidente): “Non ci si abitua mai all’emozione, sento ancora le farfalle nella pancia ed è proprio l’amore per la pallavolo che mi stimola a continuare. Questa società è un dono per la città di Busto Arsizio, un dono da coltivare e da conservare. Un saluto a Freya, non c’è ma le siamo tutti vicini”.

Lyubushkina: “Essere venuta in Italia è un passo molto grande per me che ho passato tutta la vita in Russia. Sono felicissima e voglio mettermi in gioco in questa nuova avventura”.

Rania: “Gli anni di a2 mi hanno fatto maturare, ora c’è per me una nuova avventura importante. Sono onorata di essere qui”.

Degradi emozionatissima e coincisa: “Sono felicissima e talmente emozionata che non riesco quasi a parlare”.

Camera: “Venire a Busto Arsizio rappresenta per me un salto di qualità importante, farò di tutto per dare il mio contributo per il bene di questa  bellissima società e di questi bellissimi tifosi”.

Ferrario (ufficio stampa – new media) illustra le novità della comunicazione 2014/2015 e lancia il progetto #playUYBA in partenza il 28 ottobre: “E’ solo uno dei tanti appuntamenti pensati per i tifosi e raccolti sotto il cappello di #tuttinsiemebusto. Giocheremo virtualmente insieme a pallavolo. Il mondo social è il nostro mondo e l’ambiente ideale dove comunicare, in un percorso comune tra squadra, società e tifosi”.

Wolosz: “Meglio dell’anno scorso? Difficile perchè il secondo anno è sempre più difficile del primo. Sono felice di essere ancora qui, ma siamo tutte forti e possiamo fare belle cose quest’anno”.

Pisani: “Felicissima di essere tornata, mi auguro di cuore che sia un anno fantastico. Non smetterei mai di ringraziare gli Adf e tutto il pubblico, il tifo migliore sulla faccia della terra”.

Michel: “L’anno scorso ho migliorato tanto con Carlo, ma spero di migliorare di più quest’anno. L’unico problema è che ora che capisco l’italiano e capisco anche cosa dice quando si arrabbia!”

Perry: “Sto imparando l’italiano e posso capire. Certo che sono contenta di essere qui: voglio aiutare la squadra, questo è il mio obiettivo”

Barbaro (team manager): “Non è certo un momento semplice economicamente, ma siamo fortunati a poter rinnovare ogni anno questo progetto, grazie a questo pubblico che mi emoziona e spesso mi commuove: è lo stimolo per continuare a spingere ogni anno. Grazie a nostri sponsor, questa è una buona occasione per ringraziarli ad uno ad uno. Come detto è un periodo difficile per tutti ma non ci abbandonano, perchè hanno sviluppato una grande passione per questa avventura. Per quanto riguarda le iniziative non ci fermiamo mai, pensiamo sempre a qualcosa di nuovo: al Palayamamay ci sarà la musica dal vivo e anche nel foyer ci saranno iniziative interessanti. Non sveliamo tutto, ma di sicuro troverete sempre un grande evento al palazzetto”.

Brogioli (medico) e Marco Forte (massaggiatore): “Speriamo di lavorare in settimana, ma poco nel fine settimana: vorrà dire fisicamente le ragazze staranno sempre bene per le partite!”

Barbato (scout man): “L’esperienza con la nazionale quest’estate è stata fantastica, soprattutto a Milano, anche se ci è mancato un pizzico per coronare il sogno”

Musso (secondo allenatore): “Per me questo è un anno di tanti cambiamenti: sono diventato papà e secondo allenatore. Felicissimo e contento di essere in quella che considero una università. Qui si impara tanto, sia in campo che fuori”.

Parisi: “Sono tanti anni che sono qui e ogni anno la società ha sempre fatto un ottimo lavoro. Sempre a piccoli passi, ma i dirigenti dimostrano ogni volta di essere capaci di lavorare con poco trovando comunque qualità che hanno sempre portato ai risultati. Quest’anno anche, sono molto contento. Lavoro con serenità e credo che la squadra sia ottima. Una delle tre migliori squadre avute a busto. Comunque dobbiamo lavorare siamo concentrati perchè il primo obiettivo è dietro l’angolo”.

Leonardi: “La mia quarta stagione qui, la squadra mi piace ed è costruita bene. Mercoledì? Non dico niente…”

Havelkova: “Sono tornata per stare ancora meglio di prima. Per me l’anno scorso è stato molto difficile, tornare è stata una scelta di cuore. Devo dire una cosa: qui c’è interesse nella pallavolo ancora maggiore rispetto al 2012, una cosa che non si trova da nessuna parte”

Marcon: “La mia quinta stagione a busto, con più presenze: è segno della grande fiducia della società nei miei confronti: ogni anno trovo motivazioni per ripartire con stimoli nuovi e ho grande carica. Le principali avversarie? Noi non temiamo nessuno, ma certo abbiamo rispetto per tutti”

Diouf: “Il bilancio dei mondiali è positivo, ma c’è comunque delusione, perchè abbiamo lavorato tanto per il podio che è sfumato per un soffio. Sempre emozionante giocare al Palayamamay: da avversaria è molto difficile, il pubblico è molto caloroso, il settimo giocatore. Averlo dalla mia parte sarà una marcia in più”

Aldera (direttore generale): “Dobbiamo sempre pensare di mettere qualcosa in più rispetto alle risorse economiche per cercare di portare a Busto Arsizio giocatrici di altissimo livello. Con Helena, per esempio, ci abbiamo messo tutti il cuore. Devo dire anche che Busto ha un appeal particolare, spesso è più semplice trovare accordi con le atlete che sono già ben disposte verso la UYBA. Questa sera chiudiamo l’aspetto glamoure informale, d’ora in poi diamo il giusto spazio alla pallavolo, tocca a Carlo e alle ragazze. Sono orgoglioso di tutte. Diouf? La cosa più bella è che lei è diventata farfalla prima che tutti si accorgessero di quanto fosse brava ai Mondiali”.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi