Domenica al Centro Pavesi la Premiazione delle Società Lombarde
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Domenica 26 ottobre. Una data importante che segnerà il via ufficiale della nuova stagione. Posticipata quest’anno per la fase finale dei Mondiali Femminili 2014 ospitata al Mediolanum Forum di Milano, la tradizionale “Cerimonia di Premiazione dei Successi 2013/14 delle Società Lombarde” è infatti in calendario al Centro Federale Fipav Pavesi di via F. De Lemene 3 a Milano alle 9.45.

(foto da: TVL Lombardia)
(foto da: TVL Lombardia)

 

Preceduta come sempre dalla prima fase della Coppa Lombardia e quest’anno anche dalle prime due giornate di campionato, l’Assemblea sarà il sigillo definitivo sulla stagione 2013-2014 e, contemporaneamente, la prima pagina di quella che è appena iniziata. Una stagione che si preannuncia combattuta come sempre, con tante società che, per motivi diversi, hanno deciso di puntare sui giovani e che, anche per questo, nei pronostici di dirigenti, allenatori e atleti sarà ancora più entusiasmante e da vivere fino all’ultima palla dell’ultima giornata.

La mattinata dell’Assemblea sarà dedicata alla celebrazione di momenti più belli dell’anno scorso sottolineati dalla consegna dei riconoscimenti ad atleti, arbitri, dirigenti e società che si sono messi particolarmente in luce nel 2013-2014. Saranno inoltre premiate le società che hanno tagliato traguardi storici della propria vita pallavolistica quali venti, trenta, quaranta ecc. anni di attività.

(foto da: TVL Lombardia)
(foto da: TVL Lombardia)

 

Riconoscimenti speciali saranno poi consegnati a giornalisti che si sono distinti per il loro impegno nel seguire la pallavolo. Come sempre poi, nel pomeriggio si svolgerà anche il Corso per Dirigenti Accompagnatori dei campionati di serie C e D maschile e femminile.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi