Van Basten: “Seedorf e Inzaghi? Allenare e’ un’altra disciplina…”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

In occasione del suo 50°compleanno, il campione olandese Marco van Basten si racconta in esclusiva ai microfoni di Sky Sport all’interno dello speciale “Buon Compleanno Van Basten”, che andrà in onda venerdì 31 ottobre alle 23 su Sky Sport 1 HD. 

Cosa hai pensato quando ti hanno raccontato che Seedorf avrebbe allenato il Milan e quando ti hanno detto che Inzaghi avrebbe allenato il Milan?

Quando Seedorf ha cominciato il suo lavoro come allenatore subito al Milan (ho pensato che, ndr) è molto difficile perché il Milan è una grande società e per me devi avere un po’ di esperienza, non è detto che se sei un buon giocatore diventi subito anche un buon allenatore. E’ un’altra disciplina.

Per Inzaghi vale lo stesso discorso?

Sì.

Qualche anno fa mi dicesti: “Un giorno allenerò il Milan”. E alla fine invece pare di capire che non succederà…

“No, non credo, ma comunque nella vita non si sa mai…”

Van Basten come Sacchi, fermato dallo stress

Un po’ di anni fa pensavo che sarei sempre stato il primo allenatore di una squadra di una società. Adesso invece ho fatto un passo indietro e devo dire che mi sento meglio, più tranquillo, con meno responsabilità. La vita di un allenatore è abbastanza complicata, difficile, stressante. Un paio di mesi fa ho scelto di fare  ancora un mestiere come l’allenatore ma non come primo, come secondo. Avevo problemi per la responsabilità e per lo stress, non dormivo bene, e da questo sono derivati alcuni problemi fisici, ma senza esagerare, non ho mai avuto  problemi veramente, seriamente con il cuore.

Era più il nervosismo, il peso di essere responsabile. E così abbiamo parlato, ho spiegato quelle che sono state le sensazioni che ho avuto e abbiamo concluso che il lavoro il lavoro che faccio è bello, ma ora non lo faccio più come prima, è meglio adesso come secondo. Il calcio è bello, ma adesso ho un’altra responsabilità. Io sono sempre stato una persona emotiva. Anche prima della partita la sentivo, dormivo poco. Ma da allenatore era più pesante, peggio. Sentivo troppo la partita. E’ stato un periodo pesante, perché quando non dormi i giorni durano a lungo. Alla fine viviamo tutti una sola volta, cerchiamo di fare almeno una bella vita. 

50 anni

Sono tanti 50 anni, ho fatto una bella gioventù, poi come giocatore ho fatto delle  belle cose. Abbiamo vinto la Coppa dei Campioni con il Milan, con l’Olanda gli Europei. E’ stato un grande periodo in cui giocare è stato sempre bello, divertente, anche interessante, emozionante. E poi alla fine abbiamo vinto tanto. Quelli sono stati dei periodi molto belli, divertenti. Oggi sono felice. Ho una moglie, tre figli, vivo tranquillo, mi diverto qui con i giocatori. Quindi sono contento.

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi