Danilo Goffi, dopo Cremona tocca a… New York!

Terminato anche l’ultimo test in vista della Maratona di New York, Danilo Goffi si prepara ora a finalizzare gli allenamenti e scaricare i km macinati in questi mesi per partire poi nelle migliori condizioni alla volta della Grande Mela.

Danilo Goffi (Foto: ufficio stampa)
Danilo Goffi (Foto: ufficio stampa)

La Maratonina di Cremona di domenica scorsa, gara su percorso interamente pianeggiante e identico a quello della scorsa edizione sulla quale il portacolori del biancorosso Monza Marathon Team già si era cimentato, è stato il banco di prova finale. L’attuale detentore del titolo nazionale di maratona è stato uno degli undici atleti in gara capaci di scendere sotto il muro dell’ora e sette minuti: sua infatti l’undicesima piazza assoluta in 1:06’24”, secondo italiano al traguardo alle spalle del giovane Nekanegent Crippa e dietro la solita nutrita compagine di atleti africani; il tutto in una domenica dominata da nebbia e umidità.

E Goffi sembra aver sofferto proprio la meteo non particolarmente favorevole: “ho patito le condizioni atmosferiche“, racconta comunque soddisfatto a fine gara, “a causa delle quali ho lasciato sul percorso almeno un minuto. Nel complesso però, sono abbastanza contento: mi sono espresso bene e i tifosi lungo il tracciato sono stati determinanti nei punti più critici; sono il secondo italiano alle spalle di un giovane con una ventina di primavere meno di me. Quindi, direi prova superata.

Ammirevole la sua condotta di gara, frutto di maturità ed esperienza accumulate dal maratoneta nervianese nel corso degli anni. Goffi non si è fatto prendere dalla frenesia e dal ritmo veloce -3 minuti al km-, imposto dai soliti atleti keniani fin dalle prime battute; ha invece corso con la testa. “Sapevo di non poter reggere a lungo una simile andatura, oltre a sentirmi inizialmente un po’ contratto. Non riuscivo a sbloccare le gambe, quindi ho preferito stare nel gruppetto di ricorsa insieme ai fratelli Crippa e a Palamini; quest’ultimo è stato il primo a staccarsi, mentre io ho avuto un momento di incertezza dopo il decimo km che mi è purtroppo costato nel proseguio della gara condotta infatti in solitaria. Ma non ho mollato e grazie alla testa, oltre che alla bontà del lavoro svolto finora, dalla 13.a posizione in cui mi son trovato a metà gara son risalito fino al l’undicesima posto.

Soddisfatto anche l’allenatore di Goffi sponsorizzato, tra gli altri, da Reale Mutua Assicurazioni. Poche parole, ma dense di significato quelle pronunciate a fine gara: “l’atleta c’è fisicamente e mentalmente; stiamo lavorando bene e la Maratonina di Cremona ne è stata la prova. Adesso, testa a New York dove Danilo darà il massimo.”

Chiara Franzetti

Ufficio Stampa Danilo Goffi

News Reporter
Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi