Valentina Diouf trascina Busto Arsizio alla finale di Supercoppa Italiana
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La Unendo Yamamay Busto Arsizio è in finale di Supercoppa Italiana: al Pala George di Montichiari la squadra di Parisi ha sconfitto la Foppapedretti Bergamo per 3 set a 1 guadagnandosì così sul campo la possibilità di sfidare sabato sera (ore 20.30) la Nordmeccanica Rebecchi Piacenza al Pala Iper di Monza. E’ stata una gara complicata per Marcon e compagne, di fronte ad un avversario arcigno e difensivamente davvero ottimo. Vinto il primo set ai vantaggi (29-27), le farfalle hanno subito la reazione del team di Lavarini, partito con Sylla nel ruolo di opposto: nel secondo parziale, nonostante un gran recupero (da 10-17 a 22-22 conCamera e Degradi in campo per Wolosz e Marcon), le biancorosse hanno ceduto sotto i colpi di Loda e Blagojevic, regalando anche qualcosa nel finale. Dal terzo set la UYBA ha ripreso il suo ritmo ed ha quasi sempre condotto nel punteggio, meritando la vittoria finale (dentro anche Plak per la Foppa). Stratosferica Valentina Diouf, autrice di 29 punti (di cui 2 aces e 3 muri), ma da segnalare anche l’apporto di Francesca Marcon (14 punti e 50% offensivo oltre al solito super lavoro in seconda linea). La prova di Helena Havelkova, che ha superato i 1500 punti (ora 1505) in competizioni ufficiali con la maglia UYBA, è andata in crescendo: oltre ad un immenso contributo difensivo insieme aLeonardi, la ceca ha chiuso anche con 16 punti a referto (1 ace e un muro per lei). Poco chiamati in causa le centrali (sempre in campo Pisani, alternate inveceLyubushkina e Michel), Wolosz ha comunque mostrato le sue qualità, sfruttando le sue attaccanti più in palla alla perfezione. Festa alla fine per i circa 250 tifosi bustocchi sugli spalti: la UYBA è in finale!

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Helena Havelkova: “Sono felicissima per questa vittoria perchè la partita è stata molto difficile. Bergamo ha giocato come sapevamo ed è un avversario davvero ostico perchè tutte le giocatrici difendono benissimo ed è dura mettere a terra la palla. Abbiamo avuto pazienza e alla fine siamo state premiate. Personalmente ho fatto un pò fatica all’inizio del match, pensavo tanto alla gamba che non è ancora al meglio. Poi però mi sono sciolta e sono andata in crescendo, così come tutta la squadra“.

La gara in pillole: Carlo Parisi schiera Wolosz – Diouf, Lyubushkina – Pisani, Havelkova – Marcon, Leonardi libero. Lavarini risponde con Radecka – Sylla, Blagojevic – Loda, Deesing – Melandri, Merlo (L).

Primo set: la Foppapedretti parte forte sui servizi di Loda (1-4), ma per la UYBA Diouf realizza già il suo quarto punto sul 4-5; Blagojevic realizza l’ace del 4-7, ma Havelkova risponde con la stessa moneta (6-7) e Lyubushkina pareggia con la fast (7-7). Marcon tiene avanti la UYBA con il mani out del 10-9, Diouf allunga e fa suonare la sirena del 12-10. Bergamo ritrova il pari sul 12 e si procede a braccetto fino al 14-14; Diouf mette a terra l’ace del 15-14 e Wolosz mura il 16-14 costringendo Lavarini a fermare il gioco. Al rientro Lyubushkina mura ancora (17-14), ma la Foppa non molla e riagguanta il pari sul 18 (time-out Parisi). Sylla risponde due volte a Lyubushkina e Bergamo è avanti (19-20), Loda fa 21-22, mentre Diouf tiene attaccate le farfalle (22-22); Sylla si mette in ottima luce, ma Havelkova trova un muro fondamentale e pareggia (23-23). Nel finale Diouf sbaglia il servizio del 23-24, Havelkova annulla (24-24), Deesing spara out (25-24), Havelkova sbaglia il servizio (25-25), Loda ribalta (25-26), Marcon annulla (26-26). Lyubushkina e Radecka sbagliano a loro volta la battuta (27-27), ma Diouf affonda il 28-27 e Marcon chiude 29-27. Stat: Diouf 9 punti nel set (57%), Sylla 6 (46%).

Secondo set: questa volta le farfalle partono alla grande (3-0 bene Havelkova e Marcon), ma la Foppapedretti sfrutta qualche imprecisione bustocca e pareggia subito (3-3). Loda lavora bene al servizio ed è 5-5, Melandri a muro si guadagna un mini-break che fa chiamare tempo a Parisi (5-7); con la pipe Diouf tiene vicina la UYBA (8-9), ma sugli ottimi servizi di Blagojevic, Radecka e Loda trovano gli spunti giusti per allungare (8-12). Dopo il tempo tecnico Deesing mura e attacca (8-15) mentre Parisi inserisce Camera e Degradi per Wolosz e Marcon; Degradi prova a dare la scossa (10-17), Diuf riaccende la speranza (13-18), Havelkova fa 15-20, Blagojevic tira in rete il 16-20, Lyubushkina mura il 17-20 (time-out Lavarini). Deesing regala il 18-20 (fuori Sylla dentro Plak), Blagojevic trova il cambio palla (18-21); HaVelkova c’è (19-21), Diouf da 1 affonda il -1 (20-21), Degradi conferma (21-22) e pareggia sfruttando l’ottimo servizio di Lyubushkina (22-22); il recupero è compiuto, ma nel finale due ricezioni errate UYBA regalano il set a Bergamo (22-25). Stat: Loda 6 punti nel set (36%), Diouf 5 (36%).

Terzo set: Lavarini schiera ora Plak per Sylla e Parisi rimette in campo il sestetto iniziale. La UYBA inizia col giusto piglio. Diouf mette a terra due attacchi e un ace (5-3), ma la Foppa non molla e Blagojevic arriva a sorpassare (5-6) mentre Parisi inserisce Michel per Lyubushkina. Marcon è in fase positiva, attacca e mura fino al pari del 9-9, ma una super Loda affonda il 10-12 che fa suonare la sirena. Havelkova e l’errore di Plak rimettono lo score in equilibrio (12-12), Diouf attacca di forza e fa 13-12 (time-out Lavarini). Al rientro Havelkova affonda il 14-12, Michel spacca il taraflex con il primo tempo del 15-13, Wolosz mura il 16-14, ma Plak è abile con la pipe e pareggia di nuovo (16-16). Havelkova si esalta con l’attacco del 18-17 ma Parisi è costretto a chiamare time-out sul 18-19; Diouf (2 volte) e Pisani murano fino al 22-19, ancora Diouf mette a terra tre palle fino al 25-22. Stat: Diouf 8 nel set (42%), Marcon 5 (50%). Muri UYBA nel set 5 (2 Diouf).

Quarto set: Diouf riparte dove aveva terminato (muro + attacco, 4-1), Havelkova ora ha il braccio caldo (5-2), Wolosz d’astuzia fa 6-2 e Lavarini chiama tempo. Deesing a muro riporta sotto Bergamo (6-5 time-out Parisi) e Plak pareggia a muro (6-6); Diouf in pipe trova il cambiopalla (7-6) il duo Marcon-Havelkova allunga (10-6), mentre Lavarini inserisce Mambelli per Loda. Il servizio out di Blagojevic regala il 12-9 alle farfalle, Deesing attacca out la fast del 13-9, la positiva Marcon delizia con il lungolinea del 14-10. Diouf colpisce ancora tre volte, sfruttando anche il super lavoro di Marcon in seconda linea (17-12), Havelkova attacca il 18-14 e Marcon chiude il bellissimo 19-14; Diouf in pipe sigla il 20-15, Havelkova in netta crescita affonda il 21-15 e la UYBA, nonostante l’ultimo tentativo di rientro della Foppa, vola veloce verso il 25-21 conclusivo (errore al servizio Loda).

Il tabellino

Unendo Yamamay Busto Arsizio – Foppapedretti Bergamo 3-1 (29-27, 22-25, 25-22, 25-21)

Unendo Yamamay Busto Arsizio: Degradi 3, Rania ne, Michel 1, Leonardi (L), Marcon 14, Angelina ne, Camera, Diouf 29, Wolosz 3, Havelkova 16, Pisani 5, Lyubushkina 4. All. Carlo Parisi. Secondo all. Marco Musso. Battute errate: 15, vincenti: 4. Muri: 9 (Diouf 3).

Foppapedretti Bergamo: Mori, Deesing 8, Loda 13, Blagojevic 12, Merlo (L), Melandri 10, Radecka 5, Plak 8, Mambelli, Sylla 8, De Cortes ne, Pillepich ne. All. Stefano Lavarini. Secondo all. Simone Angelini. Battute errate: 11, vincenti: 3. Muri: 11.

Spettatori: 1500 circa (250 da Busto Arsizio)

 

Ufficio Stampa UYBA – Giorgio Ferrario

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi