L’Hockey Milano scivola: tutto sulla partita contro Caldaro
Ti piace questo articolo? Condividilo!

L’Hockey Milano ospita il Caldaro per cercare la nona sinfonia consecutiva contro il fanalino di coda del campionato. Nei padroni di casa rientra Andreas  Lutz dopo lo stop di 4 giornate,mentre perdura l’assenza di Terzago. Negli ospiti out Piva ed Alexander Alandergassen.

CREDITI IMMAGINI: CHIARA BARBIERI
CREDITI IMMAGINI: CHIARA BARBIERI

L’apertura di match sembra favorevole al Milano,con una doppia superiorità numerica,ma i padroni di casa riescono a creare una sola occasione con Vallorani,fermato all’ultimo da Janik. Passata la paura il Caldaro colpisce,con un bel tiro dallo slot di Frei bravo ad avventarsi sul rebound di Caffi. I padroni di casa non riescono a reagire e rischiano di subire il raddoppio da Deanesi,ma con una buona azione del terzo blocco pareggiano:è Piccinelli a fulminare Pichler dal centro al 13.19. Neanche il tempo di tornare in pista e sono di nuovo i lucci a colpire con una controfuga di Raphael Andergassen (13.46), ma dopo soli 39 secondi è Andreas Lutz a fissare nuovamente il pari con una percussione chiusa con un tiro sporco da due passi. 2-2 e tutto da rifare dunque,con gli ospiti capaci anche di sfiorare la rete in superiorità nel finale. Dopo 20 minuti squadre all’intervallo in parità.

La seconda frazione ha un inizio a dir poco pirotecnico: complici delle difese assolutamente in difficoltà, in men che non si dica arrivano 4 gol. È il Milano ad aprire il fuoco con Vallorani al 24.02 e a passare in vantaggio per la prima volta,ma solo 25 secondi dopo Deanesi tutto solo castiga Caffi dallo slot. Non è finita perché al 25.19,con le squadre in 4 contro 4, Fontanive viene pescato tutto solo da Lutz e non sbaglia. Il 4 a 3 dura poco meno di un minuto,e al 26.12 è Sindel a trovare il nuovo pareggio. Match senza sosta,che nella seconda metà di frazione vede la crescita dei padroni di casa, incapaci di trovare il gol nonostante le tante occasioni create, schiantandosi su un bravo Pichler. 4-4 alla fine di una frazione estremamente nervosa e ricca di gol e penalità.

L’ultimo periodo si apre con la prima linea del Milano che spinge sull’acceleratore e sfiora il vantaggio. Grana per il Caldaro: Pichler si infortuna e deve entrare Morandell al suo posto nella gabbia degli altoatesini. I primi minuti del backup dei lucci sono senza parate perché il gioco si sposta nell’altro terzo,con due doppie superiorità numeriche consecutive per gli altoatesini. Prima waldthaler e poi Janik (42.51 e 43.52) fulminano Caffi dalla media distanza,scavando il solco del 6-4. Il Milano è costretto a dare il tutto per tutto ma,nonostante una doppia superiorità numerica,dalle parti di Morandell non si passa:da segnalare solo un gol annullato per carica sul portiere intorno a metà frazione. Passata la sfuriata degli attacchi rossoblu, il Caldaro continua nel suo match ordinato e si affida solo al contropiede,mentre il Milano cerca in tutti i modi di riaprire la contesa e ci riesce anche se solo parzialmente con il solito Vallorani, bravo a insaccare al volo da posizione centrale sul disco di Lutz al 57.06. Gli ultimi minuti,complice una superiorità numerica per i padroni di casa sono a dir poco infuocati, ma Morandell non trema e il Caldaro si porta a casa il match per 6-5.

Primo successo esterno per i Lucci che con merito espugnano la pista del Milano chiudendo la serie di otto vittorie consecutive dei lombardi.

 

13esima Giornata – Serie A – Itas Cup – Risultati – Stagione regolare

Giovedì 30 ottobre
HC Val Pusteria Lupi – Supermercati Migross Asiago 3-0 (0-0/0-0/3-0)
Marcatori: 05:03 (1-0) P.-M. Devos (P.Rizzo/D.Glira); 05:54 (2-0) A.Helfer (P.M.Devos/G.Kuhn); 58:36 (3-0) G.Scandella (M.Oberrauch/A.Hofer) a porta vuota;
Arbitri: Davide Deidda e Claudio Pianezze; Giudici di linea: Patrick Gruber e Maurizio Lorengo;
SSI Vipiteno Weihenstephan – HC Appiano Roi Team Consultant 5-4 d.t.s. (1-0/3-2/0-2/1-0)
Marcatori: 08:35 (1-0) J.Owens (C.St.Jacques/P.Pircher) in inf.num.; 22:25 (1-1) D.Ceresa (J.Hazen) in sup.num..; 23:41 (2-1) J.Owens (M.Naatanen/C.St.Jacques) in sup.num.; 25:42 (3-1) H.Stofner (J.Owens/M.Naatanen); 28:33 (3-2) J.Hazen (P.Beber/S.Lacroix); 33:07 (4-2) M.Naatanen (H.Stofner/J.Owens); 41:35 (4-3) D.Peruzzo (M-O.Vallerand/J.Hazen); 55:27 (4-4) T.Ebner (D.Ceresa/D.Peruzzo); 64:19 (5-4) H.Stofner (S.Baur/C.St.Jacques);
Arbitri: Marco Bagozza e Fabio Lottaroli; Giudici di linea: Federico Pace ed Alex Waldthaler;
HC Gherdeina valgardena.it – HC Egna Riwega 2-1 (1-0/0-0/1-1)
Marcatori: 05:56 (1-0) A.Nigro (D.Veggiato); 51:04 (2-0) A.Nigro (R.Stampfer/J.Newton); 55:04 (2-1) S.Pellettier (E.Lampe/F.Faggioni);
Arbitri: Luca Cassol ed Alex Lazzeri; Giudici di linea: Marco Bettarini e Federico Stefenelli
HC Valpellice Bodino Engineering – SHC Fassa 8-3 (3-1/3-2/2-0)
Marcatori: 01:11 (0-1) F.Gilmozzi (M.Da Tos/S.Constantin); 06:57 (1-1) S.Campbell (M.Pope/N.di Casmirro); 13.54 (2-1) J.Uronen (P.Nicolao/L.Frigo); 15:35 (3-1) M.Pope (T.Johnson /J.Uronen) in sup.num.; 23:05 (3-2) F.Gilmozzi (M.Dantone/M.Da Tos); 32:21 (4-2) A. Signoretti (S.Campbell/M.Pope) in sup.num.; 32:49 (5-2)  L.Frigo (J.Uronen/P.Nicolao); 36:46 (6-2) A.Signoretti (V.Kulmula/A.Silva) in doppia sup.num.; 38:12 (6-3) T.Vidgren (F.Gilmozzi/S.Ryhanen); 32:49 (7-3) S.Campbell (A.Schina/F.De Biasio); 39:54 (8-3) M.Pope (N.Di Casmirro/E.M.Salomon);
Arbitri: Gregory Loreggia e Andrea Moschen; Giudici di linea: Simone Lega e Christian Cristeli;
Rittner Buam – Hafro Sg Cortina 6-5 d.t.r. (2-1/1-2/2-2/0-0/1-0)
Marcatori: 08:25 (1-0) E.Johansson (K.MacAuley/T.Ramsey); 09:35 (2-0) S.Kostner (P.Rissmiller/I.Gruber); 13:06 (2-1) P.Wunderer (P.Albers/F.Adami) in sup.num.; 20:19 (3-1) T.Ramsey (D.Tudin/P.Rissimiller); 25:25 (3-2) C.Menardi (L.Zandonella/P.Wunderer); 27:31 (3-3) A.Gellert (R.Dingle/G.De Bettin) in sup.num.; 43:17 (4-3) I.Gruber (I.Tauferer/D.Tudin); 50:57 (5-3) P.Rissimiller (A.Eisath/C.Borgatello); 54:28 (5-4) C.Menardi (R.Dingle/P.Wunderer); 56:48 (5-5) P.Wunderer (A.Gellert/P.Albers) in sup.num.; 65:00 (6-5) Rigore decisivo: P.Rissmiller;
Arbitri: Glauco Colcuc e Karl Pichler; Giudici di linea: Christian Cristeli e Marco Mori;
Hockey Milano Rossoblu – SV Caldaro Rothoblaas 5-6 (2-2/2-2/1-2)
Marcatori: 08:46 (0-1) A .Frei (D.Daenesi/R.Andergassen); 13:19 (1-1) l.Piccinelli (N.Lo Russo/M.Borghi); 13:46 (1-2) R.Andergassen (A.Meneghini/A.Frei); 14:25 (2-2) A.Lutz (N.Fontanive/D.Vallorani); 24:02 (3-2) D.Vallorani (N.Fontanive/E.Caletti); 24:27 (3-3) D.Deanesi (R.Andergassen/A.Frei); 25:19 (4-3) D.Vallorani (A.Lutz/N.Fontanive); 26:12 (4-4) D.Brejacak (J.Sindel/L.Franza); 42.51 (4-5) T.Waldthaler (D.Janik/A.Frei); 43:52 (4-6) D.Janik (T.Waldthaler/A.Frei) in doppia sup.num.; 57:06 (5-6) D.Vallorani (e.Caletti/A.Lutz);
Arbitri: Nadir Ceschini e Leandro Soraperra; Giudici di linea: Vinicio Volcan e Stefano Terragni;
Classifica Serie A – Itas Cup:
Rittner Buam ** 34 punti
Val Pusteria 28
Milano 26* punti
Valpellice e Asiago 25 punti;
Gherdeina 24 punti;
Cortina e Vipiteno* 18
Appiano 15
Egna 14 punti
Caldaro 7 punti
Fassa 6 punti
** due gare in più
*una gara in più
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi