Legnano Basket: termina la striscia di vittorie, trasferta difficile a Matera
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Trasferta lunga per Legnano che scende fino a Matera, per una prima assoluta contro la Bawer, reduce da due vittorie consecutive, così come i Knights d’altronde. Piccoli acciacchi di vario genere, hanno limitato gli allenamenti dei Knights in settimana, Knights che però scendono in campo, stringendo i denti, con la formazione al completo.

(foto da: Ufficio Stampa Legnano Basket)
(foto da: Ufficio Stampa Legnano Basket)

 

Nei primi minuti le due squadre sembrano abbastanza titubanti, almeno fino al canestro di Krubally che apre le marcature. Le due squadre si affidano inizialmente agli USA per i primi sprazzi di gara con Krubally che segna da sotto e Merchant dall’arco da una parte, mentre Richard (4 punti, 8 rimbalzi) e Greene ribattono dall’altra; questo fino a quando Baldasso (11 punti, 2 rimbalzi) non prende il proscenio con 6 punti in fila per il vantaggio di Matera sul 14-10.

La Europromotion risponde con la bomba in transizione di Petrucci per il ribaltone sul 14-15, ma un grande assist di Greene per Tagliabue (12 punti, 7 rimbalzi), permette al lungo ex Latina un appoggio da sotto. Ma qui la partita si interrompe per alcuni minuti visto che salta la luce e tutto il PalaSassi rimane al buio.

Al rientro Matera continua a segnare con Tagliabue e Baldasso, anche se il massimo vantaggio arriva dalla tripla allo scadere di Greene che fissa il 28-22, con un tiro da metà campo. Petrucci riapre con la tripla, ma Matera, sfruttando anche la panchina, innesca Giarelli e Cucco che permettono un primo strappo per Matera sul +7.

Legnano ha poca fluidità in attacco e questo provoca palle perse, di cui una di esse, diventa anche un antisportivo per Navarini che lascia a Matera liberi e vantaggio in costante ascesa. Di Lorenzo continua a cavalcare Giarelli (8 punti) e le sue iniziative portano anche al massimo vantaggio materano: +12 sul 44-32. Legnano limita un po’ i danni e la tripla finale di Merchant (13 punti, 7 rimbalzi, 4 assist) fissa il 44-35 che porta le squadre all’intervallo.

Dopo la pausa negli spogliatoi, Legnano esce più aggressiva e, alzando la difesa, mette in difficoltà Matera che, dopo un 5-0 iniziale che porta il vantaggio dei padroni di casa vicino ai 20 punti, si perde tra i raddoppi biancorossi Con alcuni palloni recuperati i Knights si guadagnano tiri
in superiorità o dei liberi che, piano piano, riducono il gap, con la tripla di Maiocco (5 punti, 7 rimbalzi) o gli appoggi di Krubally.

Lo stesso Krubally moltiplica a vista d’occhio i suoi numeri e anche gli altri legnanesi, sono più incisivi. Il recupero arriva fino al -6 sul 60-54, ma un paio di errori al tiro, lasciano di nuovo scappare Matera fino al 62-52 del 30’.

Giarelli fa ancora male a Legnano a sotto, anche se la tripla di Di Bella (10 punti, 4 assist) mitiga lo svantaggio. Greene (19 punti, 5 rimbalzi, 4 assist) gestisce tutti i palloni lucani, ma i padroni di casa trovano canestri e un buon contributo da tutti. La tripla in transizione di Merchant avvicina Legnano a -6, ma ancora Cucco, infila 8 punti di fila che ricacciano la Europromotion al di sopra dei 10 punti di margine sul 70-58.
La riscossa legnanese è affidata a Di Bella e Arrigoni (9 punti, 2 rimbalzi), ma Bonessio (6 punti, 7 rimbalzi, 5 assist) e Circosta (8 punti, 2 rimbalzi, 2 assist) fatturano il 7-0 che di fatto chiude la partita.

Gli ultimi minuti sono poco significativi, se non per diminuire la differenza canestri che potrebbe tornare utile a fine campionato, e servono a Krubally (26 punti, 21 rimbalzi, 9 falli subiti, 3 recuperi, 3 stoppate e 54 di valutazione) per il finale con la schiacciata in contropiede che completa la sua pazzesca partita, che purtroppo però non scongiura la sconfitta.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=kgZsAarlwHU]

Partiti un po’ soft, i Knights non sono riusciti a trovare in fretta il ritmo partita, a differenza di Matera che ha trovato “a coppie”, giocatori che hanno fatto male a Legnano, sia da sotto sia da fuori. Sette giorni per recuperare dai piccoli infortuni per poi ritrovarsi domenica prossima per la gara interna al PalaEuroImmobiliare contro Chieti.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi