Il Vero Volley chiude il girone d’andata contro la Tonazzo: come vedere la gara in TV

L’ultima giornata di andata del Vero Volley Monza andrà in scena al PalaFabris San Lazzaro di Padova domani, lunedì 29 dicembre, alle ore 20,30 (diretta Raisport 1) contro la Tonazzo Padova. Lo scontro tra le due compagini, neopromosse in Superlega, vede la riproposizione del duello durato tutta la passata stagione nel campionato e Coppa Italia di serie A2 . Il Vero Volley, ancora a caccia della prima vittoria stagionale, ha dimostrato, prima con la trasferta che è valsa un punto contro i vice campioni d’Italia della Sir Safety Perugia e poi nell’ultima partita casalinga contro Trento, di essere in netta crescita rispetto all’inizio di stagione. La Tonazzo Padova è reduce da una vittoria da due punti arrivata in casa contro Piacenza e due sconfitte: contro Ravenna, in casa, e Latina lontano dalle mura amiche. I precedenti tra i due sestetti sono sette, con due vittorie del Vero Volley (stagione 2012-2013, 2013-2014) e cinque dei veneti. L’ex della partita è il palleggiatore e Capitano del Vero Volley Monza Simone Tiberti a Padova dal 2009 al 2012.

STORIA PADOVA

La Pallavolo Padova nasce nel 2009/10, ereditando lo scettro dallo storico presidente Maurizio Sartorati che , dopo 19 anni, lascia il timone della Società a Fabio Cremonese. Riunendo un gruppo di Soci, si crea un nuovo progetto per il rilancio della squadra allo scopo di riportare una delle Società più importanti d’Italia nel volley che conta. In quella stagione, dopo l’esonero del coach Lorenzo Bernardi, con Paolo Montagnani i bianconeri accedono ai play off chiudendo il campionato all’8° posto. Nel 2010/11 la Phyto Performance Padova domina il campionato di serie A2 e conquista la massima serie nella storica finale contro l’agguerrita Santa Croce. La Fidia Padova approda in A1 e coach Montagnani punta molto sul ritorno a Padova dell’opposto Simeonov, affidandosi in cabina di regia al cubano Gonzalez. La stagione però è ricca di sfortune e si chiude con la retrocessione in A2. Il 2012/13 inizia con un nuovo gruppo guidato da coach Luigi Schiavon, tornato alla guida della squadra dopo l’ultima avventura del 2006/07 in A1. Padova può contare sul nuovo main sponsor, il Gruppo Tonazzo. Dopo una prima parte di stagione difficile, i bianconeri diventano protagonisti del girone di ritorno. Si va ai play off promozione e la scalata impetuosa prosegue fino alla finale dove cede il passo a Molfetta che conquista la massima serie in Gara 3. Intanto dal settore giovanile arriva la storica vittoria dello scudetto Under 14 della Pallavolo Padova guidata da coach Federica Tisato.

IL ROSTER

Il roster veneto, guidato da Valerio Baldovin, è formato dai palleggiatori Orduna e Beccaro. I centrali Mattei, Volpato e Aguillard (USA). Gli schiacciatori Vianello, Giannotti, Gozzo, Rosso, Garghella, Milan e Quiroga (ARG). Chiude il libero Balaso.

LE DICHIARAZIONI PRE PARTITA

Oreste Vacondio (1° Allenatore Vero Volley Monza): “A Padova sarà una partita difficile visto che, rispetto a Perugia e Trento, è un avversario del nostro stesso livello. Siamo in un periodo di crescita che mi auguro porti i frutti. Dovremo continuare a crescere, diminuendo gli errori che sono ancora troppi. Dobbiamo giocare tranquilli e concentrati, sperando che arrivi la prima vittoria stagionale”.

13a Giornata di Andata Superlega UnipolSai
Tonazzo Padova – Vero Volley Monza
ore 20.30 (diretta Raisport 1)
arbitri: Giorgio Gnani, Gianluca Cappello

CLASSIFICA

Modena Volley 29, Energy T.I. Diatec Trentino 27, Cucine Lube Banca Marche Treia 26,  Sir Safety Perugia 24, Top Volley Latina 21, Calzedonia Verona 19, Copra Piacenza 18, CMC Ravenna 16 Exprivia Neldiritto Molfetta 13, Tonazzo Padova 7, Altotevere Città di Castello-Sansepolcro 7, Revivre Milano 6, Vero Volley Monza 3

1 incontro in più: Top Volley Latina

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi