Ti piace questo articolo? Condividilo!
Esordio casalingo del Hockey Milano nella seconda fase che incontra all’Agorà il Gherdeina. Entrambe le squadre non hanno ancora vinto nel girone Master Round. I rossoblu casalinghi ritrovano Nicola Fontanive (casco d’argento) che da fine novembre non aveva più indossato la maglia del Milano per problemi muscolari. Ritorna a roster anche Gherardi. Sempre assenti Vallorani, Piccinelli e Latin. Il Gherdeina deve rinunciare a Benjamin Bregenzer, oltre alle già preannunciate assenze di Nigro e Schenk.
Foto di Chiara Barbieri
Un primo periodo equilibrato apre la gara fra Hockey Milano e Gherdeina. Le squadre sembrano giocare una partita a scacchi concedendo poco o nulla agli attacchi avversari, ma accendendo la partita con qualche fallo di troppo che spezza la supremazia, ora di una, ora dell’altra, fra le due contendenti. Il rientrante Fontanive e Caletti sono i più pericolosi in casa milanese, mentre fra gli ospiti il solito Newton risulta essere il più pericoloso con le sue scorribande a tutto ghiaccio. Caffi controlla senza problemi un paio di conclusioni all’inizio del match, Milano risponde con un paio di sortite di Migliore e Borghi, ma lo 0-0 con cui si conclude la prima frazione è sostanzialmente giusto per quello che le squadre hanno costruito in pista.
Secondo periodo tutto di marca rossoblu, con Marc Demetz che diventa protagonista con almeno 4 interventi decisivi sugli avanti rossoblu che con Caletti, Fontanive e Campanale non riescono a forzare la resistenza della difesa gardenese. Dopo una serie di penalità senza esito il Milano riesce a sfruttare l’uomo in più su un’azione impostata da Fontanive e conclusa in modo vincente da Gron con un disco basso e preciso che riesce ad infilare l’estremo avversario dopo i precedenti miracoli. Nella seconda parte del periodo i padroni di casa vanno vicino al raddoppio con Fontanive e ancora con Gron, ma Demetz continua nella sua prestazione di livello, salvando la sua gabbia anche quando il gol sembra cosa fatta. Nei secondi finali grande occasione per Brugnoli sulla quale Caffi riesce a salvarsi anche con una buona dose di fortuna.
Inizio di terza frazione in cui il Gherdeina parte di gran carriera per riuscire in qualche modo a trovare la rete del pareggio. Il Milano si difende bene intorno ad un attento Caffi che arriva ad esibirsi sugli stessi livelli del collega gardenese con due interventi decisivi su Newton e Veggiato nei momenti di maggior pressione da parte della squadra di coach Mensonen. Allentata la pressione sono però i rossoblu a trovare il raddoppio con un tocco di Gron che raccoglie l’unica pecca della serata di Demetz, spingendo il disco in rete sul rimbalzo corto concesso dall’estremo gardenese. Dopo il raddoppio l’Hockey Milano controlla le folate avversarie, Caffi salva alla grande su Veggiato e la gara finisce praticamente qui, con i lombardi che centrano il primo successo nel Master Round da parte della formazione di Pat Curcio. Con questo successo il Milano si riporta in avanti e blinda il quinto posto del Playoff Round visto che i punti di vantaggio sul Gherdeina, sesto in classifica, ora sono 11. Si ricorda che il quinto posto, quello del Milano nella attuale classifica del Master Round, qualifica direttamente ai quarti di finale playoff mentre il sesto rimanda ai pre-playoff. Da segnalare il secondo shutout stagionale per Caffi.
Serie A – Itas Cup – 25esima Giornata  – Playoff Race – Risultati
28 dicembre 2014 – Seconda Fase – 3° Turno
SSI Vipiteno Weihenstephan – SHC Fassa 4-1 (2-1/2-0/0-0)
Marcatori: 05:28 (1-0) J.Owens (J.Walters/D.Maffia); 13:56 (1-1) M.Bernard (E.Chelodi/M.Marchetti); 14:55 (2-1) J.Walters (F.Hackhofer/M.Naatanen) in sup.num.; 32:58 (3-1) J.Walters in inf.num.; 34:49 (4-1) M.Naatanen (J.Walters/H.Stofner) in sup.num.;
Arbitri: Gregory Loreggia e Karl Pichler; Giudici di linea: Marco Bettarini e Simone Mischiatti;
Hockey Milano Rossoblu – HC Gherdeina valgardena.it 2-0 (0-0/1-0/1-0)
Marcatori: 32.43 (1-0) T.Gron (N.Fontanive/E.Caletti) in sup.num.; 48:29 (2-0) T.Gron (M.Campanale/E.Caletti);
Arbitri: Claudio Ferrini ed Alex Lazzeri; Giudici di linea: Matthias Cristeli e Willy Vinicio Volcan;
Sv Caldaro Rothoblaas – HC Egna Riwega 0-1 (0-0/0-0/0-1)
Marcatori: 16:10 (0-1) M.Bertignoll (M.Sullmann/R.Locatin);
Arbitri: Luca Marri e Leandro Soraperra; Giudici di linea: Federico Pace ed Alex Wadlthaler;
SG Hafro Cortina – HC Appiano Roi Team Consultant 5-4 d.t.r. (2-2/2-1/0-1/0-0/1-0)
Marcatori: 03:25 (1-0) F.Adami (A.Gellert/R.Dingle) in sup.num.; 03:57 (2-0) S.Gron (F.Lacedelli/R.Lacedelli); 15:17 (2-1) D.Peruzzo (J.Hazen/M.Eisenstecken); 17:25 (2-2) J.Hazen (M.Eisenstecken/S.Lacroix); 21:08 (3-2) F.Lacedelli (R.De Zanna/R.Dingle) in sup.num.; 28:59 (3-3) M.Eisenstecken (P.Platter/S.Lacroix) in sup.num.; 32:45 (4-3) A.Gellert (P.Albers/S.Gron) in doppia sup.num.; 48:34 (4-4) D.Ceresa (F.Ebner/R.Raffeiner) in sup.num.; 65:00 (5-4) Rigore decisivo Albers
Arbitri: Massimo De Col e Glauco Colcuc; Giudici di linea: Fabrizio De Toni e Omar Piniè;
Asiago Hockey 1935 – Rittner Buam 3-1 (1-0/2-1/0-0)
Marcatori: 05:36 (1-0) L.Ulmer (S.Bentivoglio/E.Miglioranzi); 21.48 (1-1) A.Eisath (A.Ambrosi/M.Quinz); 24:09 (2-1) S.Marchetti (K.Deverigilio/F.Benetti); 26:41 (3-1) T.Carnevale (L.Ulmer/S.Bentivoglio) in doppia sup.num.
Arbitri: Luca Cassol e Claudio Pianezze; Giudici di linea: Cristiano Biacoli e Luca Zatta;
HC Val Pusteria Lupi – HC Valpellice Bodino Engineering 7-2 (2-0/3-0/2-2)
Marcatori: 03:09 (1-0) G.Scandella (P.M.Devos/T.Makela) in inf.num.; 07:06 (2-0) M.Oberrauch (A.Helfer); 27:25 (3-0) P.M. Devos (A.Hofer/M.Oberrauch); 28:59 (4-0) P.Rizzo (P.Bona/A.Berzins); 36:02 (5-0) G.Scandella (P.M. Devos/M.Oberrauch); 48:04 (5-1) M.Pope (L.Frigo/S.Campbell) in sup.num.; 52:43 (5-2) M.Pozzi (M.Kulmula/A.Silva); 55:31 (6-2) P.Rizzo (D.Elliscasis/P.Bona); 59:55 (7-2) D.Glira (L.Tauber/P.Bona) in sup.num.;
Arbitri: Nadir Ceschini ed Andrea Moschen; Giudici di linea: Christian Gamper e Federico Stefenelli;
Classifica Master Round:
Asiago 57 punti;
Val  Pusteria 54 punti;
Rittner Buam 50 punti;
Valpellice 48 punti;
Milano 47 punti;
Gherdeina 36 punti;
 
Classifica Playoff Round:
Vipiteno 35 punti;
Cortina 34 punti;
Appiano 30 punti;
Egna 29 punti;
Fassa 20 punti;
Caldaro 10 punti;
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi