Il Natale della Caronnese: oltre 300 persone alla festa dei Rossoblu

Ha faticato a contenere i numerosi presenti il ristorante Verve di Solaro, che ha ospitato la tradizionale Festa di Natale della Caronnese per il secondo anno consecutivo. Tanti momenti divertenti, alcuni anche toccanti, sono stati il filo conduttore della serata, alla presenza del Consiglio di Società e del Presidente Augusto Reina che ha ospitato intorno a sé tutte le squadre rossoblu, i loro entourage e tutti i collaboratori. Soprattutto molteplici sono state le premiazioni. Iniziamo dalle squadre dell’attività di base, le formazioni più giovani del settore giovanile della Caronnese: premiata la squadra dei Pulcini 2006, allenata da Paolo e Andrea Mariani, vincitori del campionato autunnale, ma anche gli Esordienti 2003, di Giorgio Anelli e Fabio De Biasi, che hanno vinto il campionato e hanno ricevuto delle medaglie speciali. Per quanto riguarda l’attività agonistica, quest’anno il girone di andata ha visto il trionfo di tutte le squadre provinciali con il passaggio ai regionali nel prossimo campionato primaverile: Giovanissimi 2001, Giovanissimi 2000 e Allievi 1999 hanno avuto il loro bagno di folla e si affiancano così agli Allievi 1998 già regionali.

caronnese-natale-2014 (2)nn

 

Standing ovation anche per la Prima Squadra di mister Marco Zaffaroni, campione d’inverno con una giornata di anticipo. Come sempre non è mancata l’elezione del “Cuore Rossoblù”, ossia il premio dedicato a coloro che in questi anni si sono distinti per la fedeltà verso la Caronnese e la partecipazione assidua alle attività della Società. Questo 2014 è stato dedicato a Rinaldo Cogliati, dirigente accompagnatore della Juniores Nazionale e ad Antonino Forestieri, allenatore dei Giovanissimi Provinciali 2000 e responsabile del settore di base. Passando alla Prima Squadra due riconoscimenti speciali sono andati a Jacques de Spa e Luca Giudici che per più di cento partite hanno vestito la casacca rossoblù. Infine è stata la volta del premio più longevo della Caronnese legato al miglior giocatore della stagione sportiva 2013-2014: il “Mister Rossoblù 2014” è stato consegnato a Luca Guidetti, incoronato da capitan Federico Corno, detentore dello stesso riconoscimento dall’anno precedente. Invitati speciali alla cena Luciana Reina, moglie del patron Augusto e Presidente dell’associazione A.G.R.E.S, insieme ad un ragazzo diversamente abile, Giuseppe Pagani, atleta iscritto all’associazione, in recupero proprio tramite ippoterapia e che ha vinto il Campionato Mondiale Paraolimpico svoltosi a Pontedera categoria FISE.

La signora Reina ha ricevuto dalle mani di Simone Moretti, bomber della Prima Squadra, un assegno che tutti i ragazzi della formazione principe della Caronnese hanno deciso di devolvere al sodalizio. “Anche quest’anno – spiega il capitano Simone Moretti – abbiamo deciso di non fare i classici regali natalizi allo staff ma di devolvere la somma corrispettiva all’A.G.R.E.S”. Emozionata, la Presidentessa afferma: “Sono molto lusingata che questi ragazzi così giovani abbiano a cuore i “miei” ragazzi. Con queste risorse possiamo far proseguire i progetti che ogni anno mettiamo in piedi. Non smetterò mai di ringraziarli, è il regalo di Natale più bello che posso ricevere”.

La Festa di Natale della Caronnese è stata come sempre anche sfruttata come tradizionale lancio del Calendario 2015 in cui tutte le squadre (fotografate da Agostino Castelnuovo) sono diventate le protagoniste mese dopo mese. Il calendario, realizzato con la collaborazione di Arti Grafiche MG, è stato distribuito a tutti i presenti in anteprima e ora è in consegna nei migliori esercizi commerciali di Caronno Pertusella, Saronno ed hinterland oltre che disponibile in versione digitale in esclusiva su www.caronnese.it.

 

Silvia Galli

 

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi