BePink lascia Terracina, Silvia Valsecchi approda invece in Qatar
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Si è concluso il secondo ritiro collegiale di BePink LaClassica: atlete e staff, che hanno soggiornato presso l’Hotel Fiordaliso di Terracina (LT), hanno approfittato del clima mite offerto dalla costa laziale per affinare ulteriormente la condizione e prepararsi al meglio in vista degli impegni futuri.

“Il training camp è stato focalizzato, soprattutto, su lavori di fondo e distanza,” ha spiegato il Team Manager Walter Zini. “Per quanto riguarda le nuove atlete, ci si è concentrati anche sulla definizione dell’assetto in bicicletta. Ci teniamo a ringraziare l’Hotel Fiordaliso e il Fiormonti Team per la grande ospitalità e accoglienza che ci hanno riservato.”

SILVIA VALSECCHI ANCORA IN AZZURRO – La lecchese, che aveva raggiunto le compagne di squadre al rientro dalla terza e ultima prova di Coppa del Mondo di Cali (Colombia), tornerà subito alle gare partecipando al Ladies Tour of Qatar, dove difenderà i colori della Nazionale Italiana. La breve corsa a tappe di categoria 2.1, si svolgerà da martedi 3 a venerdi 6 febbraio e terminerà con il tradizionale arrivo di Doha Corniche.

“Dopo i buoni risultati ottenuti sul parquet, Silvia si cimenterà con la prima prova su strada del 2015,” ha aggiunto Zini. “Una gara importante dove, oltre a supportare la causa Azzurra, avrà anche l’opportunità di proseguire la preparazione in vista dei Campionati del Mondo su pista.”

Queste le tappe del Ladies Tour of Qatar (3-6 febbraio):
1^ tappa: Museum of Islamic Art – Dukhan Beach (98,5 km)
2^ tappa: Al Zubara – Madinat Al Shamal (112,5 km)
3^ tappa: Souq Waqif – Al Khore Corniche (93,5 km)
4^ tappa: Sealine Beach Resort – Doha Corniche (101,5 km)

 

Ufficio Stampa BePink

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi