Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il match clou della 15ª giornata, iniziato con mezz’ora di ritardo a causa del maltempo che ha reso difficile per la BPM Sport Management raggiungere Sori, si è concluso con la vittoria della Pro Recco per 9-4 (1-2, 2-0, 2-0, 4-2). Il sette di Gu Baldineti parte forte e fa suo il primo quarto con le reti di Bini e Lapenna, ribaltando il vantaggio iniziale dei padroni di casa con Aicardi.

Nella seconda frazione i gol di Prlainovic e Francesco Di Fulvio consentono alla Pro Recco di andare al cambio vasca avanti di una rete. Nel terzo tempo la squadra di casa allunga ancora, questa volta con Giorgetti e Fondelli. Infine, reti a grappoli nell’ultimo quarto. Bini e Razzi segnano per la BPM Sport Management, mentre Pijetlovic, Gitto, Francesco Di Fulvio e Aicardi vanno a segno per la Pro Recco.

(foto da: Ufficio Stampa BPM Sport Management)

Così Gu Baldineti a fine gara:

“I ragazzi hanno giocato bene i primi due tempi. Per il resto sono soddisfatto di come ci siamo espressi in difesa, mentre in attacco avremmo dovuto fare di più. Purtroppo è stata una giornata segnata dalla sfortuna. A causa del maltempo abbiamo impiegato sette ore di pullman per raggiungere la Liguria, tanto che abbiamo dovuto chiedere il posticipo di mezz’ora. Poi in partita ben due gol sono scaturiti da deviazioni”.

Archiviato il match contro la Pro Recco, la BPM Sport Management tornerà ad allenarsi lunedì 9 per un collegiale con lo Strasburgo, la società di prima divisione francese che vanta nel proprio palmares 5 scudetti conquistati tra il 1958 e il 1963. I transalpini saranno a Mantova fino a mercoledì 11 febbraio.

L’allenamento servirà a preparare al meglio la prossima sfida di campionato, in programma sabato 21 febbraio e che per l’occasione sarà disputata a Mantova per festeggiare i 10 anni di gestione della Piscina Dugoni da parte di Sport Management.

 

Ufficio Stampa Sport Management

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi