Ti piace questo articolo? Condividilo!

Con una prova di grande autorità e carattere la Unendo Yamamay Busto Arsizio vince a Baku la gara di andata dei Play-off 12 della 2015 Cev DenizBank Volleyball Champions League contro le padrone di casa dell’Azeryol. La concentrazione delle ragazze di Parisi, vista sin dalle prime battute, ha prodotto un gioco efficace, in cui tutti i fondamentali hanno contribuito al successo finale di 3-1. Le farfalle hanno sofferto in avvio le sfuriate di Brakocevic (22 punti totali),Nikolic (10) e Bayramova (17), ma hanno sfruttato nella fase finale del primo set lo straordinario exploit di Helena Havelkova, sul cui pesante turno di battuta la UYBA ha costruito la rimonta e il sorpasso decisivi (sotto 20-16, sopra 20-23);

(foto da: Ufficio Stampa Unendo Yamamay Busto Arsizio)

 

se nel secondo set le farfalle hanno controllato il vantaggio da metà in poi, sostenute dagli spunti di Diouf, Havelkova e Pisani, nel terzo, complice un leggero calo nella metà campo biancorossa, hanno subito il rientro in gara delle avversarie. Match riaperto? Neanche per sogno, perchè il quarto set UYBA è stato ancora pregevole: con Wolosz sempre lucida, Diouf ha attaccato con grande continuità ed Havelkova ha continuato la sua serata positiva. L’Azeryol ci ha provato, ma anche il muro bustocco è stato granitico, con Pisani esaltata e a segno in totate 10 volte (5 delle quali proprio a muro).

La partita finisce con Marcon e compagne abbracciate al centro del campo, autrici di un passo importante e soprattutto sembrate molto consapevoli dei propri mezzi. Nella partita di ritorno, in programma al Palayamamay marcoledì prossimo, 18 febbraio, alla Unendo Yamamay basteranno due set per conquistare il pass per i Play-Off 6i biglietti per la partita sono già in distribuzione per gli abbonati biancorossi, che avranno tempo fino a venerdì 13 alle 13 per esercitare il diritto di prelazione (successivamente sarà aperta la prevendita libera, tutte le info qui: http://volleybusto.com/ news.php?id=1128). Per finire i numeri migliori della serata biancorossa: Diouf è stata la top scorer con 22 punti (34% offensivo con 3 muri), Havelkova efficace con 14 (60% e turni di battuta decisivi), Pisani la migliore a muro (un terzo dei 14 muri UYBA sono suoi). Per il gruppo biancorosso il rientro a Malpensa è in programma domani nel primo pomeriggio.

Sala stampa:

Parisi:

“Questa sera la squadra ha giocato un match convincente e dopo due ottimi set è stata capace di reagire alla normale reazione dell’Azeryol. Nel quarto siamo stati bravi a ripartire con l’atteggiamento giusto. Abbiamo bisogno di un’altra vittoria e quindi prepariamo la prossima gara con calma e pazienza. Felici di questa ma ci prepariamo bene alla prossima”.

Diouf:

“Abbiamo disputato una grande partita a muro: credo che questo le abbia destabilizzate, perché il loro punto di forza è l’attacco. Inoltre siamo state molto precise ed incisive in battuta. Un calo nel terzo set c’è stato è vero, ma abbiamo dimostrato ancora una volta che non ci diamo mai per vinte”.

Marco Musso:

“Le ragazze hanno interpretato la partita nel miglior modo possibile. Giocare in questo contesto non è semplice, ma siamo stati bravi a stare nella partita dopo aver perso il terzo set”.

Massimo Aldera:

“Siamo naturalmente consapevoli che questa fase si gioca su una doppia partita, ma aver approcciato con questo tipo di personalità i Play-Off 12 ci dà buone sensazioni e buone speranze di giocarci fino in fondo il passaggio del turno mercoledì prossimo in casa. Abbiamo dimostrato di giocare con esperienza internazionale, maturata negli anni ed evidente questa sera qui a Baku. Tutte le atlete hanno giocato con convinzione e dato il proprio contributo importante nei vari momenti della partita. L’Azeryol ha grandi individualità, noi abbiamo mostrato un gioco più organizzato”.

La gara in pillole:  Chervyakov sceglie in avvio Kitipova – Brakocevic, Filipova – Poznyak, Nikolic – Bayramova, Durr (L), Parisi inizia con Wolosz – Diouf, Havelkova – Marcon, Lyubushkina – Pisani, Leonardi libero.

Primo set: Diouf e Marcon (doppietta da posto 4) rispondono al primo muro di Poznyak (3-4), Lyubushkina allunga con l’ottima fast del 3-5; Brakovecic (muro ed ace) supera, Bayramova attacca il primo 8-6. Havelkova mette a segno il murone del 9-9, Pisani quello del 10-10, ma Nikolic e Bayramova riescono a strappare ancora (13-11); Diouf rende fluido il cambiopalla biancorosso (14-13), ma Bayramova mura il 16-13. La pipe di Diouf giudicata out fa chiamare tempo a Parisi (17-13), poi l’Azeryol sbaglia due volte e Chervyakov ferma il gioco sul 17-15. La UYBA è a sua volta fallosa e le padrone di casa ne approfittano (20-16), anche se Havelkova scalda il braccio in attacco e dai 9 metri e tiene accesa la speranza (20-18) e Pisani e Diouf murano due volte (20-20). Brakocevic spara out il 20-21 (tempo Azeryol), Bayramova sbaglia a sua volta (20-22), Havelkova mette a terra l’ace del 20-23 chiudendo così il parziale 7-0 per le farfalle, Diouf mura il 21-24, Nikolic torna sotto (ace 23-24), Diouf attacca fuori il 24-24. Lyubushkina non ci sta (24-25), Brakocevic spara largo il primo 24-26.

Stats: Diouf 6, Havelkova 4, 6 muri UYBA. 5 a testa per Brakocevic, Nikolic e Bayramova.

Secondo set: l’Azeryol prova subito a reagire (3-1 muro Bayramova), la UYBA sbaglia qualcosa, ma Marcon trova il provvidenziale attacco del 5-3; Wolosz a muro tiene incollate le farfalle (5-4), Lyubushkina trova il pari sul 5. Diouf dai 9 metri allunga e fa chiamare tempo a Chervyakov (5-7), Brakocevic serve in rete il primo 6-8; gli scambi sono equilibrati e Nikolic ritrova il pari (8-8), poi è Havelkova a riconquistare il vantaggio con la doppietta da posto 4 che vale l’8-10. Diouf risponde presente da posto 1 e da 4 per il 9-11 e per il 10-12, Pisani e Diouf si esaltano a muro (11-15), Marcon fa suonare il 12-16. Filipova vince lo scontro a rete con Wolosz e riporta vicino le padrone di casa (14-16), poi Leonardi vola e Lyubushkina affonda il 14-17 che fa respirare la UYBA. Havelkova non sbaglia e tiene alte le quotazioni bustocche (16-19), Pisani ancora a muro si fa valere per il 16-20. Nel finale la UYBA è attenta, tiene le distanze grazie a Diouf e di nuovo Pisani (18-22), allunga con il suo opposto (18-23), conquista 5 set-ball con Lyubushkina (19-24), chiude con Marcon 21-25.

Stats: Diouf 7 (45%), Pisani 4 (2 muri), Havelkova 4. 4 muri totali UYBA. 5 a testa per Brakocevic e Bayramova.

Terzo set: Lyubushkina a muro lancia subito le farfalle (2-4), ma Brakocevic e Bayramova capovolgono in pochi istanti (5-4); Havelkova lavora bene da posto 4 e tiene equilibrato lo score (6-6), Pisani attacca con violenza il primo tempo del 7-7, Havelkova forza il servizio e propizia il primo 7-8. Sempre sul servizio della ceca Pisani allunga (7-9) e le padrone di casa si rifugiano nel time-out, al rientro due muri di Brakocevic ribaltano (11-9) e Parisi ferma il gioco. Bayramova allunga con la doppietta del 14-10, Brakocevic firma il +5 azero (15-10 dentro Perry per Marcon); Bayramova inchioda il 16-11, Perry ci prova (16-12), ma l’Azeryol fugge e Parisi inserisce Degradi per Diouf sul 18-12. Havelkova e Perry ci credono (20-17), Degradi attacca senza paura (21-17), Nikolic regala il 21-18. Perry non molla (22-19), ma le padrone di casa amministrano bene e riaprono il match (25-19).

Stats: Brakocevic 8 (2 muri), Bayramova 5, Havelkova 3 (60%).

Quarto set: Parisi riparte con Marcon e Diouf, Leonardi si supera in seconda linea e proprio Diouf prova a rilanciare le farfalle (1-3), ma il muro azero impatta e supera con grande veemenza (5-4); si gioca in costante equilibrio ma Wolosz mura il nuovo vantaggio biancorosso (6-7), confermato dall’attacco di Havelkova che fa suonare il primo 7-8. Brakocevic spara out la pipe del 7-9, Diouf da 2 sigla l’8-10, Havelkova conquista l’8-11 sul buon servizio di Wolosz e poco dopo da posto 4 trova il prezioso 8-12 (time-out Baku). Al rientro le azere regalano l’8-13, poi Diouf sfonda il muro e tiene il gap invariato (9-14); la UYBA vuole la vittoria e costringe le padrone di casa all’errore (10-15), mentre Diouf a muro fissa il punteggio sul 10-16. Pisani dai 9 metri fa +7 (10-17), Brakocevic riduce sempre con la battuta (12-17), poi Marcon a muro trova un fondamentale cambiopalla (12-18); l’Azeryol è alle corde (12-19 time-out), Havelkova a tutto braccio porta al 12-20, Diouf in pipe non sbaglia (13-21), Wolosz vince lo scontro a rete del 14-22, Lyubushkina con l’ace fa 14-23, Diouf ancora mette a segno il 14-24, Brakovecic manda i titoli di coda sparando fuori il 14-25.

Il tabellino

Azeryol Baku – Unendo Yamamay Busto Arsizio 1-3 (24-26, 21-25, 25-19, 14-25)

Azeryol Baku: Durr (L), Poznyak 7, Kurt 2, Bayramova 17, Brakocevic 22, Kitipova, Picussa ne, Love ne, Nikolic 10, Zhidkova, 16 Aliyeva, Filipova 8. All. Aleksandr Chervyakov. Secondo all. Jeremiah Estes. Battute errate: 11, vincenti: 5. Muri: 14.

Unendo Yamamay Busto Arsizio: Lyubushkina 8, Degradi 1, Rania, Michel ne, Leonardi (L), Marcon 6, Perry 3, Camera ne, Diouf 22, Wolosz 2, Havelkova 16, Pisani 10. All. Carlo Parisi. Secondo  all. Marco Musso. Battute errate: 8, vincenti: 4. Muri: 14 (Pisani 5).

Arbitri: Dudek (POL) – Kurtiss (LAT)

Spettatori: 1500 circa

 

Ufficio Stampa Unendo Yamamay Busto Arsizio

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi