Giro dei Paesi Baschi: a Eibar c’è Rui Costa nei migliori 10 per la Lampre-Merida
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Rui Costa dà continuità di rendimento alla sua Vuelta al Pais Vasco, è infatti ancora tra i migliori dieci (9° posto) nella 4^tappa, la Zumarraga-Eibar (Arrate) di 162,2 km. costa

Arrivo tradizionale della corsa basca con la sempre selettiva ascesa dell’Alto de Uzartza a 2,2 km dall’arrivo, con strada in discesa fino al traguardo: Rui Costa ha trovato un passo molto redditizio in salita che gli ha consentito di scollinare in un selezionato gruppo di 12 corridori, lanciatisi poi in discesa verso il traguardo in una lunga volata vinta da Rodriguez.

Il portoghese della LAMPRE-MERIDA ha tagliato il traguardo al 9° posto, risultato che gli ha consentito di guadagnare in classifica generale ben 9 posizioni risalendo in 12^piazza a 26″ dal leader Henao.

Ancora una bella prestazione da parte di tutta la formazione blu-fucsia-verde, come sottolineato da Philippe Mauduit, tecnico che sta guidando la squadra assieme al collega Marco Marzano: “I ragazzi sono stati bravi a interpretare in maniera attiva e con grinta la tappa fin dai primi chilometri: già dalle battute iniziali, infatti, il ritmo è stato altissimo, con molti tentativi di fuga nei quali eravamo sempre presenti a turno con Serpa, Bono, Ulissi e Conti.
Fino alla penultima salita, Rui ha potuto contare sull’aiuto di Plaza e Serpa, poi è stato ancora una volta Polanc a portare il capitano all’imbocco dell’ultima ascesa“.

ORDINE D’ARRIVO
1- Rodriguez 4h05’10”
2- Mollema s.t.
3- Yates s.t.
4- Izagirre s.t.
5- Henao s.t.
9- Rui Costa s.t.
18- Polanc 47″, 58- Serpa 9’14”, 70- Plaza 18’34”, 81- Mario Costa 20’52”, 84- Ulissi s.t., 85- Bono s.t., 89- Conti 21’46”

CLASSIFICA GENERALE
1- Henao 17h13’51”
2- Rodriguez s.t.
3- Quintana s.t.
4- Scarponi 7″
5- Mollema 10″
12- Rui Costa 26″
24- Polanc 3’19”

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi