Hockey Milano Rossoblu: tifosi, dove siete?

I soci e Main Sponsor dell’Hockey Milano Rossoblù hanno divulgato un comunicato stampa dove precisano che la società non sta preparando la chiusura totale: “Già da alcuni mesi abbiamo deciso di continuare ad appoggiare e sostenere economicamente la squadra – si legge – questo perché crediamo fortemente nei valori da essa incarnati, perché in CDA siamo in piena armonia, perché ci riteniamo pienamente soddisfatti dal lavoro svolto dalla dirigenza e dallo staff tutto, perché soprattutto crediamo che un’autoretrocessione in serie B, in questa fase storica, rappresenti realmente l’unico modo possibile per accendere i riflettori sulla nostra situazione”.

Il comunicato poi prosegue:Il Milano è una società economicamente sana, che tuttavia vive un contesto come quello milanese in cui il costo del ghiaccio è 10 volte superiore a quello di altre realtà, in cui per anni il silenzio delle istituzioni sulla nostra situazione è stato pressoché totale nonostante l’assordante grido d’allarme più volte lanciato. Non solo: disputare un campionato di serie B vuol dire puntare a far crescere i nostri giovani locali, trovarne altri provenienti da fuori che vengano a Milano a studiare e a fare i professionisti, cimentandosi comunque in un campionato duro come quello della Serie B; significa far crescere e sviluppare il nostro settore giovanile.

“Ci duole però constatare, a seguito di incontri avuti con alcuni tifosi e dopo aver letto un articolo apparso oggi – prosegue la nota – in cui era evidente la difficoltà a scindere l’analisi giornalistica da quella del tifoso, che l’affetto dei nostri sostenitori, soprattutto di quelli che dovrebbero essere più vicini alla nostra attività, al momento viene a mancare. Siamo quindi profondamente dispiaciuti che lo sforzo economico da noi perpetrato e lo sforzo della società tutta – che decide comunque di continuare il progetto Milano – non sia attualmente accompagnato dal sostegno dei fans rossoblu”.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi