Nissan X-Trail: ecco il nuovo motore a benzina 1.6 DIG-T

Nissan amplia la sua gamma X-Trail con il nuovo 1.6 benzina DIG-T 163, offrendo uno dei motori a benzina più avanzati e a basso consumo della categoria.

Conforme alle più recenti normative europee sulle emissioni (Euro6) che saranno obbligatorie a partire da questo settembre, il consumo di carburante per i modelliVisia e Acenta è di soli 6,2 l / 100km*, mentre le emissioni di CO2 si attestano su 145g/km. In termini di prestazioni, il nuovo X-Trail DIG-T può accelerare da 0-100km/h in 9,7 secondi, mentre la velocità massima è di 200 Km/h.

163 CV di potenza a 5.600 giri/min e 240 Nm di coppia tra i 2.000 e i 4.000 giri/min a due ruote motrici con un cambio manuale di serie a sei velocità: questo motore altamente performante prepara ulteriormente X-Trail per l’avventura con una capacità di traino di 1.800 Kg**.

nissan-X-Trail-6ago2016Questi straordinari numeri evidenziano la filosofia di downsizing adottata da Nissan e dimostrano che non serve una cilindrata elevata per offrire ottime caratteristiche di accelerazione e flessibilità di cambiata.

Costruito a partire dal successo Crossover di Nissan, il nuovo X-Trail DIG-T 163 è dotato di un sistema di accensione Start/Stop e permette un’esperienza di guida pulita, reattiva e di alta qualità, così come si aspettano i clienti Nissan. La praticità rimane uno degli obiettivi principali di X-Trail, migliore nella sua categoria per il comfort dei passeggeri, con la sua seconda fila di sedili di serie scorrevole e reclinabile.

Il nuovo X-Trail benzina è già disponibile in pre-ordine e sarà in vendita da settembre presso i concessionari Nissan, in tutti gli allestimenti base, e anche nella versione a sette posti su Acenta, Acenta Premium e Tekna.
* Valore indicato per i modelli con cerchi in lega da 17″. I consumi per X-Trail DIG-T 163 con cerchi in lega da 19″ sono di 6,4 l/100 Km.

** Capacità di traino testata su una pendenza del 12%.

News Reporter
Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi