La Briantea84 riabbraccia il play Fabio Raimondi
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Fabio Raimondi torna a Cantù per giocare nella Briantea84. Un rientro atteso quello del play bergamasco (punteggio 2.0), che dopo la fugace permanenza dello scorso anno – conclusa alla vigilia della stagione regolare per problemi personali che lo hanno riportato in Sardegna – ha rinnovato il suo ingaggio con la UnipolSai.

È un grande onore per me poter vestire di nuovo questa maglia – ha dichiarato Raimondi. Cantù è tra i club più forti del Campionato italiano, una società ambiziosa, con obiettivi alti. Ci sono i più forti giocatori del panorama cestistico internazionale, è un’occasione che non voglio e non posso perdermi. Ringrazio il presidente Alfredo Marson per questa seconda chance: non vedo l’ora di tornare a misurarmi ad alti livelli. A 43 anni la mia voglia di vincere è ancora tanta”.

Conosco Raimondi da 30 anni – ha commentato coach Marco Bergna -, siamo stati insieme in Briantea84, con la Nazionale italiana e la scorsa stagione a Sassari. Quest’anno ripartiamo insieme da Cantù: è un grande campione, un esempio di dedizione totale allo sport e alla maglia che indossa. Un giocatore che pretende sempre il 101%, da se stesso, dai compagni e da chi lo allena. È il classico vincente, per lui lo sport è tutto”.

Il sogno nel cassetto

Nella memoria di tutti i suoi avversari, Raimondi viene catalogato come cecchino infallibile dalla lunga distanza, vera bestia nera dall’arco. Non mancherà lo spettacolo per i tifosi della UnipolSai. Il suo sogno?

Non vedo l’ora di vivere l’atmosfera del Palasport di Seveso, giocare davanti al suo meraviglioso pubblico. Briantea84 ha fatto tantissimo in questi anni – e non parlo solo di titoli vinti e trofei sollevati. Crede in un progetto importante, punta alla sensibilizzazione e alla promozione dello sport paralimpico e dei suoi valori. Investe sui giovani, sta costruendo cultura. Sono in carrozzina da quando ho 11 anni (per un osteosarcoma alla colonna vertebrale, n.d.r), so cosa significa avere una disabilità e viverla come limite, guardare quello che fanno gli altri bambini e pensare di non poterlo fare. Una mentalità che deve cambiare e Briantea84 sta contribuendo a farlo: voglio portare mio figlio a Seveso e fargli vedere cos’è veramente il basket in carrozzina, a cosa suo padre ha dedicato la vita. Voglio alzare la testa e vederlo tra altre 800 persone – non seduto sugli spalti con sua madre da soli – a godersi questo meraviglioso spettacolo”.

I progetti del play

Dopo l’addio alla UnipolSai dello scorso ottobre, Raimondi ha vestito la maglia della Dinamo Lab Sassari: una stagione strepitosa per il team sardo, chiusa con la promozione alla massima serie: “Devo ringraziare la Dinamo Lab per il grande entusiasmo con cui mi ha accolto – ha continuato – seppur a stagione già iniziata. È stato per me un anno particolare, ripartire dalla Serie B non è stato facile. Ma non ho nulla da biasimare, anzi: è stata una stagione importante, non solo per l’obiettivo promozione centrato ma anche per la mia carriera. Ho lavorato tantissimo, intensificando ritmi e qualità di allenamento, grazie anche alla straordinaria collaborazione dello staff tecnico”.

Non so cosa mi riserverà il futuro – ha continuato Raimondi – ma so cosa voglio dal mio presente: giocare e dare il massimo per il mio club. Certo l’età di sente, il fisico conta: non posso dire di essere veloce come 10 anni fa ma faccio molti sacrifici per mantenere questa condizione atletica. Stare dietro ai giovani è un lavoraccio, non posso permettermi uno sgarro: alimentazione, allenamento, tutto deve essere programmato minuziosamente. Ma una cosa è certa: fino a quando il fisico regge e la mano continua a fare il suo dovere, io non mollo”.

Il Palmares di Raimondi

Il più famoso numero 4 della Nazionale Italiana di basket in carrozzina: una carriera lunga 27 anni e un addio (sofferto) arrivato proprio qualche settimana fa, dopo i Campionati Europei di Worcester che hanno ufficialmente escluso l’Italia dai Giochi Paralimpici di Rio 2016. Un palmares quello del 43enne bergamasco (ormai sardo di adozione) che parla da solo: 11 Europei (di cui due vinti, nel 2003 e nel 2005), 4 Mondiali e 4 Paralimpiadi. Una vita passata con la maglia azzurra, un quarto di secolo fatto di amore incondizionato, di successi e di tanti sacrifici: un posto prezioso – quello nella sua Nazionale – lasciato “per far spazio ai giovani, a chi ha voglia di mettersi in gioco e che – quella maglia – la sogna con tutto il cuore”.

Non manca l’esperienza di club: l’esordio risale al 1991, a Bergamo. Un pezzo importante della sua più che ventennale carriera ruota attorno a Roma: 10 anni nel Santa Lucia (1995-2004), con cui ha vinto moltissimo, e nel mezzo una stagione internazionale al Fundosa di Madrid (1999-2000). Il palmares è di quelli importanti: quattro scudetti, 3 Coppa Italia e una Supercoppa in Italia, mentre in Europa ha sollevato ben due Coppe dei Campioni, una Vergauwen Cup e nel 2013 la Brinkmann Cup.

Dopo tre stagioni a Porto Torres e quella appena conclusa in forza alla Dinamo Lab, Raimondi

torna a far parte della scuderia del presidente Alfredo Marson, avendo già vestito la maglia biancoblu per 3 stagioni dal 1992 al 1995 e l’ultima volta nel 2010 quando sulla panchina brianzola sedeva Marco Bergna.

 

Chiara Zucchi

Ufficio Stampa
A.S.D. BRIANTEA84

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi