Milan-Napoli: Mihajlovic: “Brutto dirlo, ma loro più forti”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Pesante sconfitta del Milan in casa contro il Napoli, uno 0-4 che non ammette repliche. Nel corso del programma “Serie A Live” in onda su Premium Sport, l’allenatore del Milan Sinisa Mihajlovic ha così commentato la partita:

E’ brutto dirlo ma abbiamo perso con una squadra più forte di noi, è la realtà. Il primo tempo era equilibrato, la differenza l’hanno fatta la loro fase offensiva e la nostra fase difensiva: purtroppo in serie A certi errori non si possono fare. Con Berlusconi e Galliani sono in debito adesso come lo sarò per tutta la vita. E’ stata una brutta sconfitta ma meritata, complimenti a Sarri e al Napoli. Noi dopo il 2-0 non abbiamo avuto la forza di reagire. Se devo guardare il bicchiere mezzo pieno, anche se è difficile, dico che il primo tempo l’abbiamo fatto bene, anche se il primo gol l’abbiamo regalato. La squadra che è scesa oggi è la migliore che abbiamo adesso, abbiamo infortunati e squalificati, non avevo grandi dubbi. Il secondo gol ha chiuso la gara, non siamo più riusciti a reagire, loro sono forti e lo sapevamo che quando incontri squadre così può succedere quello che è successo. Se si fosse visto il Milan per 90 minuti non sarebbe finita 0-4, sono più forti di noi, c’è poco da dire. Noi siamo una cosa a metà, ne difendiamo bene ne attacchiamo bene, è una via di mezzo. E’ una situazione difficile, dobbiamo lavorare, ognuno di noi sta dando il 100% ma non basta, dobbiamo dare di più. Non dobbiamo perdere serenità e fiducia e cercare di lavorare per migliorare. I ragazzi durante la settimana si allenano bene, si vede che dovremo fare ancora di più.”

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi