Biciclette: domenica 11 rassegna storica
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Sfilata d’eccezione domenica 11 ottobre dalle ore 14.30 alle 17. All’iniziativa rinominata “Ciclostorici a Milano” dell’Italian Makers Village parteciperà l’associazione Bici d’epoca con un campione di ottanta biciclette, da corsa e viaggio, che vanno dai primi anni fino a metà del ventesimo secolo.

I possessori, una volta messi a disposizione sabato 10 i loro modelli per una mostra all’interno della sede IMV in via Tortona 32, partiranno da qui la giornata successiva, per percorrere (indossando vestiti dell’epoca) Parco Sempione, l’area di Garibaldi-Repubblica, i giardini Indro Montanelli, corso Venezia e Piazza Duomo, prima della sosta ad Expo Gate e il successivo rientro al Village.

Per arricchire ulteriormente la giornata per gli amanti delle due ruote sarà inoltre possibile visitare, all’interno della sezione “Excellence Stories”, la ricca collezione di velocipedi del Museo Miscellaneo Galbiati. La raccolta, nata nell’immediato secondo dopoguerra grazie ai profondi sforzi del cav. Fermo Galbiati, include pezzi unici di modernariato antico, suddivise in aree principali e secondarie.

L’esposizione, visitata da amanti di varie nazionalità ed età, emana il fascino di un’Italia ormai passata che ormai funge da ritrovo per tutti quei cultori o semplici curiosi che amano ritrovarsi per discutere della loro grande passione. Portata sotto la luce dei riflettori da media nazionali e locali, vanta nel proprio repertorio anche alcuni modelli usati in celebri produzioni cinematografiche e televisive. La brianzola Mostrestoriche.com, che raccoglie l’identità, metterà a disposizione 3 rari antenati della bicicletta moderna, antecedenti l’invenzione del pneumatico, quali il bicicletto britannico Swift Dwarf del 1898, l’italiana Ciclo Veronese del 1902 e il triciclo americano Veloking del 1920. All’iniziativa sarà pure presente il pluricampione del mondo di ciclismo estremo Giuliano Calore.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi