Inveruno: arriva dal Monaco Fabio Genga
Ti piace questo articolo? Condividilo!

L’Inveruno sprizza tinte ‘blues’ dalla giornata odierna. Si è infatti chiuso ufficialmente il trasferimento in entrata del difensore Fabio Genga, un ventenne che si candida a sorpresa di questa seconda metà del campionato di Serie D.

MARE, CHE PASSIONE – Volto nuovo che rappresenta una scoperta per il pubblico nostrano, a proseguimento di un’esistenza affatto banale. A dargli i natali il 10 settembre 1995 la splendida Cannes, tra i più luminosi manifesti del bello transalpino sulla Costa Azzurra. Una seconda casa per il cinema col Festival Internazionale e l’allée des Étoile (strada dove i vip imprimono le proprie “impronte”) che ne costituiscono simbolo.

SANGUE NOSTRANO – Per Fabio, nome italianissimo così come i genitori, il sogno è di diventare un giorno calciatore professionista e naturale è tirare i primi calci al pallone sullo splendido litorale, quella Croisette immagino simbolo di un’intera regione. Solo su quel viale poteva iniziare la sua storia, in una meta tanto cara ai turisti che arrivano ogni anno, ma la cui comprensione è esclusivo privilegio dei nativi.

LA SCALATA – A sei anni l’iscrizione all’Entente du Cannet Rocheville, dove affina i trucchi del mestiere e impone il talento, che gli vale pure la convocazione in nazionale Under 16, dove colleziona otto presenze. L’approdo verso le grandi platee appare un passaggio di rito inevitabile, puntualmente giunto nel 2008, onorato dalle avances del Monaco, fucina di grandi attaccanti (transitati su quelle sponde due ‘nomi qualunque’ come Thierry Henry ed Anthony Martial), quando lui risponde al ruolo di difensore, a ulteriore conferma di quanto le sue scelte siano in controtendenza.

COMPAGNI FORMIDABILI – Nella capitale del Principato, qualcosa però si spezza. Difficile ambientarsi in un mondo nuovo se il cuore lo hai lasciato là dove hai cominciato il viaggio. Troppo complicato far valere la propria leadership al centro della retroguardia ed entrare negli schemi di un gruppo che verte la propria forza più su, a centrocampo, guidato magistralmente da Yannick Carrasco, futuro perno dell’Atletico Madrid di Simeone.

OBIETTIVO RINASCITA – Un po’ di spazio arriva nel 2014/2015 (squadra B), ma proprio quell’estate arriva la rescissione. Lo vorrebbe il Carpi, ma problemi famigliari lo portano a sei mesi di stop, perfetti per mettere insieme le idee e accettare la scommessa gialloblù, tappa d’inizio per avviare la fase 2.0 della carriera.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi