Acquisto in pompa magna per la Pro Sesto, abile a chiudere nella giornata di oggi la trattativa per il celebre cannoniere dei campi di Serie D Nunzio Lazzaro.

CHI E’ – Nato a Susa (provincia di Torino) il 19 luglio 1980 il neo arrivato è una autentica certezza nella categoria. Tante le maglie indossate, fra cui è indimenticabile il periodo trascorso tra le fila dello Spezia, dove ha realizzato tra la massima divisione dilettantistica e l’allora Lega Pro Prima Divisione 37 reti in due anni e mezzo. Notevoli, inoltre, i ventidue centri firmati per la Biellese e i 20 a Chieri la scorsa annata. Dopodiché, il passaggio al Vado, dove in questi primi mesi di D ha siglato otto reti in quattordici presenze. Un plauso pertanto alla mossa intrapresa dal club biancoceleste, determinato a far dimenticare al più presto quel Davide Castagna partito alla volta di Fiorenzuola.

VALIDO PERNO – Il pari al cospetto della Varesina ha infatti segnalato quanto una prima punta di valore rivesta un ruolo fondamentale negli schemi di Oscar Magoni. Troppe volte ci si è infatti affidati a Stefano Brognoli, centrocampista rinomato per i suoi inserimenti, ma caricato di eccessive responsabilità ultimamente, complice lo scarso rendimento di quei Mbarick Fall e Alessandro Comi la cui aumentata concorrenza si spera contribuisca a renderli più pimpanti e cattivi nelle aree di rigore avversarie.

LE PRIME DICHIARAZIONI – In attesa di scoprire cosa riserverà la seconda parte di stagione, lo stesso Lazzaro ha già avuto modo di presentarsi: “Sono davvero felice di arrivare in una piazza importante come Sesto San Giovanni. A 35 anni sono ancora in piena forma, ho tanta voglia di dimostrare il mio valore e farò di tutto per regalare le soddisfazioni che si meritano alla società e ai tifosi. A concludere una battuta sull’obiettivo delle 200 marcature in carriera: “Me ne mancano solo 3 e quindi sono convinto che con la Pro raggiungerò un traguardo che mi riempie di orgoglio”.

Manuel Magarini
manuel.magarini@gmail.com