Pontisola – Pro Sesto: la vigilia
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Malgrado un tratto turbolento, la rotta finora tracciata dalla Pro Sesto pare ora quella ideale per il raggiungimento della salvezza.

PRONOSTICI RISPETTATI – La fiducia confermata a Oscar Magoni, scelta poco trendy in un calcio sempre più frenetico, ha permesso di non rovinare il buon lavoro condotto a inizio campionato e l’undicesima posizione – 26 punti complessivi – permette di dormire sonni tranquilli. Relativamente, si intende, tenuto presente quanto questo girone B regali continue sorprese.

VOLTO NOTO – La trasferta in programma recita Ponte San Pietro, terra di un Pontisola che ha sì un punto in più, ma decimato dell’assenza di Tommaso Lella. Squalifica pesante per il buon rendimento offensivo, il quale poggerà fondamentalmente sulle spalle di Andrea Scaldaferro. Scelta obbligata supportata dalla batteria di trequartisti, tra cui spicca Ferreira Pinto, talento intramontabile.

CAMBIO A CENTROCAMPO – A proposito di senatori l’arrivo di Vinicio Espinal garantisce ulteriore fosforo in mezzo al campo. Trovato poco spazio nel Lecco suscita curiosità scoprire quanto si imporrà in terra bergamasca, a cui si collegano splendidi ricordi tra le fila dell’Atalanta, squadra dove debuttò in massima serie. Esperienza d’altronde caratterizzante gli ospiti, complice l’ingresso di Nunzio Lazzaro, decisivo contro il Sondrio e confermato spalla di Mbarick Fall. Formazione ormai consolidata, vige qualche incertezza su chi assumerà le veci dello squalificato Stefano Brognoli complice l’abbondanza in zona mediana, anche se Martino rimane favorito.

Mercoledì 6 dicembre, ore 14.30
Stadio “Matteo Legler” di Ponte San Pietro

PONTISOLA (4-2-3-1): Vagge; Alborghetti, Ientile, Lucenti, Pellegrinelli; Espinal, Ruggeri; Ferreira Pinto, Pedrocchi, Signorelli; Scaldaferro. All. Gaburro.
PRO SESTO (4-3-1-2): Bremec; Conte, Galimberti, Cortinovis, Sala; Corti, Gobbi, Martino; Battaglino; Fall, Lazzaro. All. Magoni.
ARBITRO: Alessio Angelo Boscarino di Siracusa.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi