Olimpia Milano, brutta sconfitta contro l’Orlandina Basket, Gentile ancora out

Una svagata Olimpia Milano, perde in trasferta contro l’Orlandina Basket, il capitano di Milano, fuori per infortunio nel corso del secondo quarto. Per la seconda volta in due anni, Capo d’Orlando risulta fatale per la squadra meneghina che, con un finale di partita orribile, si fa sconfiggere nelle battute finali.

Il primo quarto parte subito in salita per l’Olimpia, sotto sin dalle prime azioni di gioco, tenta di rimanere aggrappata alla partita sfruttando il suo tiro da fuori. Questa scelta tattica non paga però, Milano spara a salve da dietro l’arco e Capo d’Orlando fa la voce grossa a rimbalzo. La squadra di coach Repesa soffre, Kalnietis e Gentile riescono a riportare a contatto l’Olimpia. Due brutte forzature al tiro con conseguenti contropiedi finalizzati dall’Orlandina, riallontano Milano. Il periodo si chiude 20- 15.

Il secondo quarto, risulta essere un periodo di sostanziale parità, l’Orlandina difende forte, l’Olimpia invece, cerca di alzare i ritmi di gioco. L’innesto di due lunghi di ruolo, con Batista che ristabilisce l’equilibrio a rimbalzo, fa ricucire leggermente il divario alla squadra di Repesa. La nota dolente arriva dal capitano dell’Olimpia. Alessandro Gentile, nel corso del periodo, abbandona il campo a causa di un infortunio, la prognosi è: lesione capsulo legamentosa al pollice. Si va all’intervallo lungo con Milano che rosicchia qualcosa, 40- 38.

Il terzo quarto inizia come i periodi precedenti, l’Orlandina difende con le unghie e con i denti il vantaggio, l’Olimpia cerca di riavvicinarsi. Fino a quattro minuti dalla fine, il periodo scorre punto a punto, poi l’Olimpia alza la pressione difensiva e spacca il quarto. Simon pareggia con un grande arresto e tiro, l’Orlandina sbaglia una tripla aperta e sul ribaltamento di fronte Milan Macvan infila due punti. Sul possesso successivo, Cerella ruba palla a metà campo, la cede a Mclean che va a concludere con due punti facili. Batista sfrutta la sua stazza nel pitturato, mette due punti con un buon gioco in post basso e nell’azione successiva si guadagna due tiri liberi e chiude il perido. Alla fine del terzo quarto, il risultato è di 56- 62.

Nel quarto quarto l’Olimpia parte subito forte, due triple consecutive( Jenkins e Sanders) portano Milano sul più 10, da li in avanti però cala il sipario. Capo d’Orlando infila due triple consecutive e apre un parziale che arriva ad essere di 17/ 0. Parziale interrotto solo da un libero di Macvan a 52 secondi dalla fine del match. L’ ennesima forzatura al tiro, con conseguente contropiede sfruttato dall’ Orlandina, chiude definitivamente la gara.

L’Olimpia Milano perde 78- 71, il più positivo per l’Olimpia risulta essere Mantas Kalnietis con 17 punti e 14 di valutazione complessiva. Da valutare nei prossimi giorni le condizioni di Alessandro Gentile.

 

News Reporter
Classe '83, ex giocatore di basket (12 anni di attività), laureato in scienze dell'organizzazione applicata allo sport.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi