Hc Milano Quanta: gara-1 finale Scudetto, distrutto il Cittadella

Hc Milano Quanta tritasassi nella gara-1 della Finale Scudetto del campionato italiano di hockey inline, con la formazione meneghina che ha battuto Padova con un perentorio 5-1. Cinico, concreto e attento, in altre parole è stato un Milano Quanta quasi impeccabile quello sceso in pista contro il Cittadella, capace di vincere e soprattutto convincere.

Hc Milano Quanta, cinquina d’altri tempi

La cinquina messa a segno dai rossoblu (3 reti nel primo tempo realizzate da capitan Banchero e Delfino, doppietta, e 2 siglate nella ripresa con Belcastro e Fontanive) è sintomo di una squadra in salute e grintosa. Ora però bisogna rimanere saldamente con i piedi per terra: la vittoria in gara 1 è solo il primo tassello della cavalcata verso lo scudetto, la strada è ancora tortuosa, non resta che proseguire il cammino.
Soddisfazione. Il parere dei 2 interpellati, Riki Tessari e Luca Rigoni, è unanime, come unanime è la soddisfazione per la prestazione realizzata dalla squadra.
Riki Tessari. “Riuscire a giocare per 50 minuti con intensità e fame di vittoria, tenendo a bada gli avversari è motivo di soddisfazione. La squadra ha giocato bene: contro un ottimo Cittadella abbiamo concesso solo 3-4 occasioni frutto di nostre piccole disattenzioni. Nel complesso la gara è stata molto avvincente, giocata su buoni ritmi, soprattutto nella ripresa quando è cresciuta l’intensità del gioco. Il Cittadella si è dimostrato arrembante e grintoso, come già si era visto in semifinale con il Verona”. Ora la testa va a gara 2, in programma sabato 30 aprile. “Mi aspetto che la prestazione convincente della squadra in questa prima gara venga replicata anche sabato. Sarà un’altra battaglia che dovremo affrontare con la stessa determinazione e concentrazione e anche qualcosa in più”.

Luca Rigoni. “Abbiamo iniziato subito la gara con il giusto piglio. Sapevamo di dover fare una partita perfetta. Siamo in forma, ci siamo allenati bene e la prestazione di martedì ne è la prova. Abbiamo girato bene a 3 linee, con cambi corti, tenendo alto il ritmo di gioco. Sabato sarà importante gestire meglio i power play, limitando al massimo gli errori e cercando di contenere le loro ripartenze. È stato importante vincere, ora però dobbiamo resettare e ricominciare da 0, concentrati in vista di sabato”.

HC MILANO QUANTA – A.S.D.CITTADELLA HP: 5-1 (3-1)
HC Milano Quanta: Mai M, Franko J, Uccelli S, Delfino A, Rigoni L, Testa F, Tomasello G, Buggin R, Rigoni F, Gruber I, Comencini A, Ferrari E, Belcastro B, Fontanive N., Banchero E
Cittadella HP: Facchinetti D, Merlo R, Tombolan M, Vendrame T, Palliotto A, Covolo L, Pontarolo P, Grigoletto M, Spain K, Virzi A, Costa A, Chelodi E, Olivero S, Olivero S, Tombolato

Marcatori: Banchero E 1’55”, Delfino A 10’26”, Pontarolo P 12’13”, Delfino A 18’32” PT: Belcastro B 31’28”, Fontanive N. 42’43”.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi