Trofeo Abarth Selenia 2016 all’Autodromo di Monza

Continua il successo del Trofeo Abarth Selenia, che quest’anno disputa la sua ottava edizione iniziando la stagione sul circuito di Monza nel weekend che va da venerdì 29 aprile a domenica 1° maggio. Sono infatti 21 gli iscritti alla gara d’apertura, con una forte presenza straniera, con piloti provenienti dai Paesi scandinavi, dal Portogallo e dalla Turchia. La novità della stagione 2016 è l’unificazione della serie italiana con quella europea in un unico trofeo che si compone di 7 prove di due gare ciascuna: Monza (1° maggio), Imola (29 maggio), Misano Adriatico (12 giugno), Magione (3 luglio), Red Bull Ring (in Austria il 24 luglio), Vallelunga (11 settembre), Mugello (16 ottobre).

Trofeo Abarth Selenia 2016, tutte le novità

Novità tecnica la presenza della Abarth 595 OT al posto della 595 Assetto Corse, che si affianca all’Abarth 9595 Assetto Corse Evoluzione.

Si prepara dunque un evento molto spettacolare, che vede moltissimi giovani piloti contendersi il campionato: sarà una sfida tra gli italiani Alex Campani (che ha al suo attivo 7 titoli: 4 europei e 3 italiani), Cosimo Barberini, Luca Anselmi e gli scandinavi Juuso Pajuranta (campione in carica del trofeo italiano), Jaokim Darbom e Robin Appelqvist; gli ultimi due passana dall’Abarth 500 Assetto Corse alla più potente Abarth 695 Assetto Corse Evoluzione, un’auto capace di prestazioni notevoli, con il motore T-Jet da 215 CV e il cambio sequenziale.

Il programma all’Autodromo di Monza

Il weekend di Monza prevede le prove di qualificazione venerdì 29 aprile alle ore 18,10 alle 18,35; sabato Gara1 prende il via alle 12,45, mentre domenica 1° maggio si disputa Gara2 con partenza alle ore 10,10.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi