Renate: Oscar Magoni nuovo direttore sportivo
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il Renate riempie la casella di direttore sportivo con Oscar Magoni che assume l’incarico prima appartenuto a Gianluca Andrissi.

LA NOTA UFFICIALE – L’annuncio arriva direttamente dal sito ufficiale del club: “La società A.C. Renate, in data odierna comunica di aver affidato il ruolo di Direttore Sportivo al Sig. Oscar Magoni, che entrerà a far parte del club a partire dal 1 luglio 2016. Magoni, nativo di Alzano Lombardo (BG), non è un volto nuovo in casa nerazzurra, dove ha già ricoperto il ruolo di allenatore dal 2007 al 2009 (Serie D) e nella stagione 2011/2012 (Lega Pro – Seconda Divisione). Tutta la Società dà il benvenuto al Sig. Magoni, e gli augura buon lavoro in questo primo incarico ufficiale da Diesse”.

SETTIMANA PROSSIMA LA PRESENTAZIONE ALLA STAMPA – A motivare Oscar Magoni anche il desideroso di prendersi le dovute rivincite dopo la difficile stagione 2015/2016 vissuta nelle vesti di allenatore con la Pro Sesto. Licenziato dalla società biancoceleste a campionato in corso, molte sono le critiche piovutegli addosso. Iniziato il campionato in modo incorraggiante, mese dopo mese l’ambiente ha cominciato a credere meno nelle sue doti di leadership, malgrado la proprietà lo abbia lungamente difeso. La sua presentazione alla stampa brianzola avverrà settimana prossima.

ATTESO IL NOME DEL NUOVO MISTER – Ricordiamo inoltre l’addio di Giovanni Colella alla panchina brianzola. “Oltre a una discussione economica ci sono stati altri fattori che hanno condotto alla separazione. Ritengo corretto dare il giusto merito a un allenatore che ha permesso a una realtà limitata come il Renate di esprimersi al meglio” è il commento rilasciatoci in esclusiva. Il più accredito a succedergli è Angelo Colombo, reduce dal biennio vissuto alla Reggiana.

 

 

 

 

 

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi