Folgore Caratese, Banchieri miglior tecnico della Serie D: “Che soddisfazione!”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La Folgore Caratese ha iniziato a gettare le prime basi per il prossimo campionato con la nomina di Alessio Pala alla guida della prima squadra. In eredità un team maturato sotto le direttive di Simone Banchieri, premiato come miglior allenatore dell’ultima Serie D.

MERITO DI OGNI COMPONENTE

Evidentemente orgoglioso il tecnico del premio ricevuto da Sprint & Sport: “E’ un piacere condividere questo riconoscimento con lo staff, decisivo quanto me nei risultati raggiunti, e i giocatori – ci confida in esclusiva – I ragazzi hanno dimostrato valori tecnici e morali strepitosi. Altrimenti non saremmo riusciti a fare 27 risultati utili. Significativo inoltre il contributo della socità, che ci ha permesso di lavorare al meglio delle condizioni”.

PUNTO DI PARTENZA

Il riconoscimento arriva dopo prestazioni importanti in un girone impegnativo: “Vincere questo premio nella quarta divisione e nel girone più dificile fa capire quanto bene abbiamo lavorato – continua Banchieri – Essere nominato miglior allenatore rappresenta una grande soddisfazione. Un punto di partenza e non di arrivo. La ciliegina sulla torta a culmine di una stagione sensazionale e incredibile. Ricordiamoci quali erano le premesse al momento del mio arrivo. Altro dato statistico che voglio sottolineare è che siamo stati la terza squadra meno battuta. Solo Piacenza e Lecco, rispettivamente prima e seconda forza del torneo, sono riusciti a fare meglio”.

IL FUTURO

Naturale dunque pensare al futuro: “Qualcosa si muove. Non bisogna accettare qualunque proposta, piuttosto conviene valutare a dovere e decidere di conseguenza. Importante la presenza di valore organizzativi, lealtà e sincerità. Il Renate? Non c’è stato nulla di concreto”. Ritorniamo dunque ad analizzare l’ultima stagione “Azzurra”: “Siamo riusciti ad arrivare davanti a Monza, Pro Sesto e Pergolettese – prosegue il mister – Compagini partite per vincere il campionato e invece siamo riusciti a sovvertire le gerarchie. Oltre alla salvezza in anticipo siamo finiti nella parte sinistra della classifica. Tutti i ragazzi sono maturati, vedi Bigotto , bravo a far cambiare opinione agli scettici che non lo reputavano adatto alla categoria”.  Infine l’ex guida del team brianzolo fa un auguro: “Le auguro il meglio. Rimarrà sempre nel mio cuore”.

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi